Situazione Ac Pisa 1909, anche le biglietterie scioperano. Niente vendita per le gare casalinghe

PISA – Nei momenti di grande difficoltà Pisa è abituata a compattarsi e combattere. Non solo quindi le decisioni prese ieri nell’Assemblea convocata dalla Curva Nord “Maurizio Alberti” ma anche la presa di posizione dei molti punti vendita, anche alcuni dei più rappresentativi, che non venderanno tagliandi in vista di Pisa-Bari. Di seguito il comunicato.

Alla luce dell’oramai improcrastinabile cessione societaria, ed in piena sintonia con quanto deciso nella riunione pubblica tenutasi alla “Stazione Leopolda” nella serata di lunedì 05/12/2016, anche NOI abbiamo deciso non solo di appoggiare in toto qualsiasi tipo di iniziativa verrà messa in essere dalla Nostra tifoseria, ma anche di iniziare un vero e proprio “sciopero” relativo alla vendita dei biglietti. A partire da oggi, e fintanto che l’attuale proprietà non passerà la mano, NON venderemo più biglietti per gli eventi casalinghi del Pisa, fermamente convinti che la rinuncia agli introiti del servizio biglietteria sia un nostro piccolo ma necessario sacrificio, che siamo disposti a sostenere se poi potrà essere d’aiuto alla liberazione della Nostra amata squadra, perché in fin dei conti IL PISA SI AMA, e come tutti i veri amori non può essere ostaggio di pochi euro di guadagno.

Di seguito l’elenco dei punti vendita aderenti:

Cartolibreria edicola il Cappellaio Matto
Solo Pisa di Via Piave
Edicola Zanni a San Piero a Grado
Tabaccheria Le Piagge
Caffetteria La Piazzetta di Perignano
Edicola Baglini di Vecchiano
Antica Tabaccheria a San Miniato

By