Sottoscritto il protocollo APEA tra il Comune e Navicelli

PISA – Si è svolta stamani in Darsena Pisa, presso la sede della “Navicelli Spa”, la conferenza stampa per la presentazione dei lavori di dragaggio del canale dei navicelli per il 2017, nonché per cogliere l’occasione per la sottoscrizione del protocollo APEA tra la medesima Società, il Comune e la Provincia di Pisa, entrambe rappresentate da Marco Filippeschi, nella doppia funzione di Sindaco e Presidente della Provincia.

di Giovanni Manenti
I lavori, hanno per oggetto il dragaggio di alcuni tratti del canale dei Navicelli e del tratto di collegamento tra il fiume Arno ed il Canale (denominato Incile), più alcune darsene presenti lungo l’asta fluviale, la cui attività prevede il conferimento dei sedimenti dragati in apposite tasche ricavate nella fascia di terreno compresa tra il bordo canale ed il ciglio interno, nei settori in cui è presente la palancolatura in acciaio.
 
Detti lavori sono stati suddivisi in due distinti lotti, per i quali è rimasta aggiudicataria la “Vanni Pierino srl” ed il primo, relativo al dragaggio del Canale dei Navicelli, riflette un volume complessivo di 30mila metri cubi, per un costo totale di ca. €. 227mila, da completare in 60 giorni consecutivi, nel mentre il secondo, relativo al tratto di collegamento tra il fiume Arno ed il Canale dei Navicelli –  i cui lavori partiranno alla conclusione del primo lotto – prevede un volume di 5mila metri cubi, per un costo di ca. €. 108mila, da completarsi entro 30 giorni consecutivi, con le draghe già in funzione da circa una settimana.
 
In relazione a tale programmazione, nonché all’attuale stato della cantieristica, il Presidente di Navicelli Spa, Ing. Giovandomenico Caridi, ha rilevato come ….”il costo dell’operazione nel suo complesso è di ca. €. 300mila, che noi copriremo utilizzando dei fondi che la Regione Toscana ci dà per le manutenzioni delle vie d’acqua ed i lavori sono stati assegnati mediante una gara pubblica, da cui è risultata aggiudicataria l’impresa “Vanni Pierino Srl” di Cecina e che prevede due tipi di appalto, uno lungo il canale, nei tratti peggiori che avevamo già monitorato ed il dragaggio completo del tratto dell’incile, con ciò permettendo la continua e completa navigabilità del canale lungo questo tratto, ma soprattutto si porterà la navigazione lungo il tratto dell’incile; i lavori sono iniziati da una settimana ed entro il mese di luglio verranno completati“. “Noi abbiamo messo in atto“, prosegue il Presidente di Navicelli”, “una convenzione per il protocollo APEA (acronimo di Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate, ndr …) che è un progetto vecchio che la Navicelli aveva avviato, di cui arriviamo oggi alla parte conclusiva, con cui viene data a noi la gestione dell’area, mentre i lavori di dragaggio sono sempre stati fatti dalla Navicelli Spa, in collaborazione con Comune, Provincia e Regione”. “Per quanto attiene allo stato del settore cantieristico”, conclude Caridi, “ci sono dei cantieri che stanno andando molto bene, che stanno lavorando e che noi ovviamente supportiamo, a fronte di alcune Società che attraversano dei momenti di difficoltà e chiaramente noi siamo vicini per venire loro incontro in tutto quanto è possibile, ricordando che nell’area lavorano mille persone, cosa da non sottovalutare per un comparto che non si vede molto, ma che è in fortissima crescita“.  
 
Sull’importanza della sottoscrizione dell’odierno protocollo APEA e sulle possibilità di sviluppo del settore cantieristico, e non solo, il Sindaco Marco Filippeschi precisa come …”il protocollo oggi sottoscritto sia molto importante perché caratterizza il canale anche nel senso della sostenibilità ambientale ed energetica, c’è un indicatore molto severo che la Regione dà, secondo quelle che sono le indicazioni dell’Unione Europea, e le aree così attrezzate diventano anche più appetibili per gli imprenditori, con una qualificazione in più di prospettiva che consolida gli insediamenti, anche se ciò non toglie che debbano essere fatte le attività di base, come quella del dragaggio dei fanghi che si immettono dentro il canale e che possono disturbare il transito dei natanti, e ciò avviene mentre siamo in procinto di effettuare l’apertura dell’incile per l’immissione in Arno e sono partiti i lavori sul canale scolmatore per la foce armata e quindi tutto è in movimento, abbiamo tanti progetti, per i quali non mancheremo di chiedere, con a fianco gli imprenditori, ulteriori interventi alla Regione, sulla base della sensibilità dimostrata negli anni precedenti e degli impegni che il Presidente Rossi ha preso e ci batteremo perché gli stessi vengano mantenuti nei prossimi mesi“. “C’è poi da evidenziare“, conclude il Primo Cittadino, “come le diverse attività e le relative infrastrutture poi si leghino positivamente l’una all’altra, perché se sarà recuperato questo bruttissimo luogo (area ex Galazzo, ndr …) di industria abbandonata da troppi anni, di fronte ai grandi parcheggi scambiatori del People Mover avremo un’offerta nuova, anche di carattere commerciale, non duplicata rispetto a quella attualmente esistente e quindi interessante, attrattiva, dopo Ikea e le attività a lei vicine, con una qualificazione che rende molto più appetibile anche l’area della cantieristica, perché laddove c’è recupero, dinamismo, buona immagine, è chiaro che gli imprenditori vengono più volentieri e noi abbiamo aree ancora disponibili e spero anche la possibilità di recuperare ciò che si è perso, non per colpa nostra o di qualcuno, ma per effetto della crisi che ha picchiato duro negli anni passati ed oggi, viceversa, ci sono i segni di un recupero e forse di un recupero pieno anche della possibilità di costruire i cantieri che era previsto si costruissero“.  
By