Stop alle carrozzelle trainate dai cavalli?

PISA – In moltissime città del nostro paese, soprattutto quelle a vocazione turistica, sono presenti le carrozzelle trainate da cavalli.

I cavalli sono però spesso costretti a lunghi tragitti nel traffico assordante, a stare sotto il sole cocente d’estate e a temperature rigide in inverno. Un tema che può sembrare marginale ma che, invece, a suscitato le proteste di molti cittadini e di importanti esponenti politici come ad esempio la senatrice Monica Cirinnà (Pd)

la quale ha recentemente dichiarato che “togliere gli animali dalla strada è una priorità assoluta, quando la sensibilità sociale migliora, anche le tradizioni devono evolversi”.

E anche nella nostra città non sono mancate prese di posizione, come la petizione lanciata su Change.org da Carmen Luciano, attivista per i diritti degli animali che in pochi giorni ha raccolto più di 2000 firme o l’interpellanza dei consiglieri comunali Ciccio Auletta e Marco Ricci (unacittàincomune-prc) che verrà discussa in Comune proprio oggi, venerdì prossimo,29 settembre, alle 17 durante la seduta dalla Commissione “urbanistica ed ambiente” del Consiglio Comunale.

I due consiglieri comunali, in particolare, dopo aver ricordato che “in città è attivo un servizio di carrozze trainato da cavalli per giri turistici” e dopo aver anche ricordato “le segnalazioni ricevute, nelle quali si mettono in evidenza le criticità legate al benessere animale, tra le quali la sosta in prossimità della Piazza dei Miracoli per ore intere con qualsiasi clima al freddo, sotto la pioggia, durante le giornate calde ed afose, che gli itinerari si svolgono tra lo smog ed il rumore generato dai tubi di scappamento di auto e bus e su pavimentazione non idonea”, chiedono poi “se esista attualmente una regolamentazione per il rilascio delle licenze che tuteli il benessere animale e, nel caso, che cosa preveda tale regolamento” e, infine, chiedono di sapere “se questa regolamentazione non esiste sia – invece – intenzione della Giunta provvedere in tal senso”.

By