Studi sugli effetti collaterali delle cure oncologiche: anche l’Aoup nel network nazionale

PISA – Sabato scorso 14 dicembre, a Milano, ha preso vita una onlus a finalità scientifica dedicata alle cure di supporto al paziente oncologico. Si tratta del Nicso-Network italiano di cure di supporto in oncologia.

Tale organizzazione opererà in ambito nazionale, cooperando con analoghi gruppi europei, avendo come missione l’approfondimento scientifico, la formazione, e la ricerca nell’ambito delle cure di supporto in oncologia, ossia lo studio e il trattamento degli eventi avversi ai trattamenti antitumorali e delle principali comorbidità (compresenza di più patologie) del paziente oncologico.

L’organizzazione non è rivolta esclusivamente a medici oncologi bensì a tutte le figure professionali che hanno un ruolo nell’assistenza di questi pazienti (oncologi, ematologi, radioterapisti, internisti, palliativisti, infermieri, psicologi, medici di pronto soccorso, etc.).

All’atto di costituzione hanno preso parte i quattro soci fondatori, ossia la Dr.ssa Carla Ida Ripamonti (INT Milano), il Dr. Andrea Antonuzzo (Aoup), il Dr. Paolo Bossi (INT Milano), e il Dr. Fausto Roila (Ao Terni).

E’ proprio la presenza di un medico pisano nel comitato fondatore a far sì che Pisa e l’Aoup rivestano un ruolo importante nella nascita e nell’indirizzo scientifico del network.

Il Dr. Andrea Antonuzzo, in servizio nell’Unità operativa di Oncologia medica 1 ospedaliera, diretta dal Dr. Sergio Ricci, è responsabile del servizio di “cure di supporto al paziente oncologico”, attivo all’interno del Polo oncologico dell’Aoup diretto dal Prof. Alfredo Falcone.

Fonte: AOU Pisa

20131217-005747.jpg

By