Suolo Pubblico. ConfCommercio “Cascina sia da esempio per tutti gli altri comuni della Provincia”

PISA – E’ Franco Palermo, presidente della Fiva ConfcommercioPisa a lanciare il tema dell’abbassamento del suolo pubblico per gli ambulanti.

“La decisione del comune di Cascina, nella persona del vicensidaco Rollo e del sindaco Ceccardi, di ridurre il suolo pubblico per i mercati ambulanti è una decisione estremamente positiva, alla luce della grande incertezza normativa che incombe sul nostro lavoro e della perdurante e tutt’altro che superata crisi dei consumi. Per questo, la riduzione dell’imposta Cosap, oltre che un beneficio immediato è per noi soprattutto un segnale in controtendenza rispetto all’aumento generalizzato, continuo e progressivo di imposte e tariffe nazionali e locali che gravano su partite iva e piccole imprese”.

“Troppo spesso il nostro lavoro è sottovalutato” – prosegue Palermo – “per questo è cosa buona e giusta ricordare che noi ambulanti rappresentiamo una fetta importante, il 20% circa del settore del commercio al dettaglio, e siamo un punto di riferimento per milioni di consumatori, che da noi vengono ad effettuare i loro acquisti quotidiani. La provincia di Pisa ha un’alta densità di imprese del settore, tra le più alte d’Italia, circa 2.300 in numeri assoluti, che danno lavoro a oltre 4.000 addetti. Mantenere un equilibrio tra competitività dei prezzi e qualità degli articoli è sempre più difficile, così come ottenere margini ragionevoli a svolgere in serenità la nostra professione. Ecco perchè questa decisione del comune di Cascina è doppiamente meritoria e il nostro auspicio è che faccia da apripista e costituisca un esempio seguito da tutti gli altri comuni della provincia di Pisa, a beneficio di imprese e consumatori”.

By