Susso Bamba: “L’esordio un emozione grandissima. Pisa ormai è casa mia”

PISASusso Bamba, il giocatore della Primevera nerazzurra, originario del Gambia, ma romano di adozione si racconta ai microfoni di PISA TV.

di Maurizio Ficeli

Il ragazzo si è ambientato benissimo anche a Pisa oltre ad essere aggregato alla prima squadra, dove ha esordito in B nella parte finale del torneo a Brescia e nell’ultima giornata contro l’Entella.

Nell’intervista Susso Bamba parla della fuga dal Gambia all’età di 13 anni, il suo arrivo a Roma dove è stato affidato a una famiglia, non prima di essere passato dalla Calabria.

Sul primo approdo in IItalia: “Volevo riuscire a costruire il mio futuro, impararando la lingua così dopo la Calabria sono andato a Roma e li sono stato accolto in una casa famiglia. Poi il mio inizio nel calcio italiano è stato un provino alla Romulea anche se poi ho potuto giocare solo dopo un anno a causa dei documenti, ma grazie al mio padre adottivo che si chiama Claudio , sono riuscito a esordire sempre nella Romulea, segnando addirittura dopo un minuto dal mio ingresso in campo, e questa è stata una emozione incredibile

La lingua italiana: “Ho potuto studiare frequentando la scuola ed anche con l’aiuto dei compagni di squadra ho potuto migliorare molto il mio parlare italiano.Ora in futuro vorrei pstudiare chimica“.

Esperienza calcistica in Gambia: “Giocavo nella squadra della mia città, dove ero capitano ed ho fatto molto bene”.

L’approdo all’ombra della Torre Pendente: “Ho fatto il provino al Pisa e sono stato preso. Qui ho trovato brave persone, sto bene e sono tranquillo, e sono stato accolto come un fratello

L’esordio in B con la maglia nerazzurra: “Per me è stata un”‘emozione grandissima esordire con questa maglia che indosso con orgoglio “.

Susso Bamba conclude con i ringraziamenti: “Al direttore ed al mister per l’opportunità che mi hanno dato, ringrazio i tifosi pisani per avermi accolto con grande entusiasmo, a Pisa mi sento davvero come a casa mia“.

By