Sviluppo, territorio, agricoltura e sostenibilità: se ne parla in una tavola rotonda promossa da Coldiretti

PISA – Ci sarà il 21 settembre la fondazione Symbola con Ermete Realacci, l’assessore provinciale Sanavio e il presidente dell’associazione Tullio Marcelli.

Produrre cibo, food, con metodi sostenibili, tutelando il territorio. Si può fare. Si può produrre reddito, e ricchezza, prodotto interno lordo (Pil), occupazione e qualità della vita, evitando di “compromettere” l’ambiente e lo spazio che ci ospita. Passa da qui, dall’equilibrio tra questi elementi – sviluppo, sostenibilità, identità, tutela e agricoltura – il futuro della comunità locale (e nazionale) e del territorio in cui viviamo che ha visto, negli ultimi decenni, subire una radicale trasformazione in nome di uno sviluppo spesso fuori controllo dettato dalle leggi dei grandi numeri del mercato.

Ecco allora che l’agricoltura, nella sua più visione moderna ed innovativa, quella della multifunzionalità e della produttività sostenibile, delle piccole produzioni locali e della qualità, della filiera corta e delle agro-energie, è destinato a diventare (o ritornare) il principale attore (e settore) dell’economia locale (e nazionale). Ad invigorire la centralità dell’agricoltura l’ennesimo dato in controtendenza che fa segnare un aumento del Pil (0,9%) sul piano tendenziale per il secondo trimestre consecutivo, mentre calano l’industria (-6,0%), le costruzioni (-6,5%) e i servizi (-1,1%). Il dato, riferito al 2012, esalta la capacità della nostra economia di tornare a crescere se investe in territori, identità, turismo, cultura e cibo che sono una leva competitiva formidabile per trainare il Made in Italy.

Sono gli spunti di partenza dell’importante tavola rotonda promossa da Coldiretti in programma venerdì 21 settembre (inizio alle 9,30) all’Auditorium “Rino Ricci”, presso la Camera di Commercio di Pisa (Piazza Vittorio Emanuele II) a cui parteciperanno, in qualità di relatori ed ospiti: Pierfrancesco Pacini, Presidente Camera di Commercio di Pisa; Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti; Ermete Realacci, Presidente Fondazione “Symbola”; Giacomo Sanavio, Assessore Provinciale all’Agricoltura; Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana. Modera Guglielmo Vezzosi, vice capo servizio de “La Nazione”.

“Si tratta di un momento di confronto importante – presenta la tavola rotonda Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti – da cui scaturiranno le linee guida delle nostre azioni future sul territorio anche alla luce dei cambiamenti climatici che impongono strategie e scelte diverse rispetto al passato. Perun’impresa agricola, come artigiana, la produzione di reddito resta centrale, ma può avvenire nel rispetto del territorio e dell’ambiente che ci circonda. Come? Lo diremo nel corso della tavola rotonda”.

Tra le curiosità in agenda la presentazione del volume realizzato da Aurelio Cupelli, fotografo e scrittore di campagna che bene raccontano, attraverso il “paragone” tra passato e presente, tra la Pisa dell’800 e la Pisa dei giorni nostri, la radicale trasformazione che ha subito il territorio in nome dello sviluppo e della modernizzazione.

Per informazioni ed adesioni contattare la segreteria organizzativa di Coldiretti allo 050-526011.

By