Teatro Rossi Aperto, nel giorno del settimo compleanno il regalo più bello

PISA – «Dopo molto lavoro abbiamo capito che per riuscire a fare qualcosa saremmo dovuti entrare in possesso del teatro. Siamo felici di inaugurare finalmente questo percorso». È così che l’assessore alla cultura Monica Barni annuncia agli attivisti e alla stampa il regalo della Regione al Teatro Rossi Aperto nel giorno del suo settimo compleanno.

Nei prossimi giorni la ditta esterna incaricata di stendere il piano di valorizzazione inizierà i lavori e incontrerà anche l’assemblea che ha animato il primo teatro di Pisa. Il piano terrà conto dell’esperienza di autogestione portata avanti in questi anni dall’Associazione Teatro Rossi Aperto, in collaborazione con le altre realtà culturali del territorio.

Servono strategie culturali, processi che creino partecipazione e condivisione. Bisogna ragionare a lugno termine per dare vita a progetti capaci di tenere insieme persone, gruppi, generazioni che a vario titolo si occupano di cultura nelle città” .

Il percorso della Regione si inquadra in un più ampio processo di recupero degli spazi abbandonati. Lo racconta Laura Caruso, animatrice e portavoce della Caserma Archeologica di Sansepolcro (AR), la cui riapertura ha innescato un processo di rigenerazione urbana che la Regione ambisce a fare diventare un modello replicabile. Quindici le realtà già censite e candidate, accomunate dal fare cultura recuperando spazi e inventando nuovi modelli economici sostenibili a partire dalla voglia di partecipazione e protagonismo dei giovani. “Un luogo abbandonato diventa un posto in cui generazioni iper-formate e acculturate possono dare, fare emergere una luce che non riescono a esprimere altrove. Siamo nella congiuntura perfetta perché questo possa succedere. Se non cogliamo ora l’occasione sarà la Storia a chiederci perché ce la siamo lasciata sfuggire”.

La notizia, che segna il cambio di passo in un percorso finora lento e faticoso, dà certo motivo di festeggiare. Le attiviste e gli attivisti del TRA, che da mercoledì hanno un programma fitto di eventi dedicato a “Sette anni di pubbliche virtù“, invitano la cittadinanza a unirsi ai festeggiamenti venerdì 27 alle 21:30 con il concerto di Fonterossa Open Orchestra, sabato 28 alle 22:30 con i DJ set di Dome La Muerte e Baud e domenica 29 alle 21 con il teatro comico di improvvisazione di Ada – Arsenale delle apparizioni.

By