Teatro Rossini ospita l’artista Claudio Cinelli alla scoperta del Teatro di Figura

PONTASSERCHIO – Nel weekend del 22 e 23 febbraio il Teatro Rossini ospiterà l’eclettico artista Claudio Cinelli che propone un interessante percorso alla scoperta del Teatro di Figura e in particolare sull’utilizzo della mano, elemento fondante di quest’arte.

Le mani sono l’anima delle marionette, dei pupazzi, dei burattini, sono l’impulso che da loro vita. Sono il luogo dove si incanala l’energia e il pensiero, l’intenzione e lacreativitа, l’anima dell’artista che manipola le figure e gli oggetti. Esse sono lo strumento per percepire l’anima degli oggetti e delle figure, il loro essere altro, le loro storie. Servono a percepire la loro materialità, andarle incontro, farla propria e superarla e sono il tramite per comunicare con chi guarda, con lo spettatore, colui che completa il cerchio invisibile della comunicazione teatrale.

Il seminario propone un percorso semplice per affrontare temi anche complessi che riguardano la gestualità, lo spazio, il movimento, le relazioni tra animatore e soggetto animato e le tecniche del teatro di figura. Un lavoro sul movimento, sulla musica, con esempi pratici e piccole esercitazioni. Un percorso completo quindi che fornisce un metodo e che crea le basi per qualsiasi animazione.

Il seminario ha un numero di posti limitati e le iscrizioni si raccolgono fino al 17 febbraio. Allievi della formazione Sentieri e della Scuola di Circo Antitesi hanno uno sconto sulla quota di partecipazione. In occasione di San Valentino, sconto anche sulle iscrizioni di coppia.

Claudio Cinelli tornerà a Pontasserchio con il suo spettacolo Scretch il 28 e 29 marzo in occasione del Festival Castelli di Carta.

Claudio Cinelli è una della figure più eclettiche del panorama artistico teatrale italiano. Le sue esperienze spaziano dal teatro, all’opera lirica, al teatro di figura. In più di 45 anni di attività ha realizzato più di 100 spettacoli. Nel 1972, appena ventenne è uno dei leader del gruppo Teatrolimite, gruppo teatrale italiano fra i più impegnati di quel particolare periodo storico, ove era necessario comunicare l’utopia, il sogno, anche al di fuori del teatro. Nel 1982 è tra i fondatori del Gran Teatro dei Burattini del Sole, un’affiliazione del Centro di Sperimentazione e Ricerca Teatrale di Pontedera. Inizia a produrre molteplici spettacoli con tecniche teatrali differenti: attori, marionette, ombre, mimo. Seguono le prime sperimentazioni su opere liriche. Dal 1986 al 1990 lavora per la televisione italiana, successivamente partecipa a numerosi programmi anche all’estero. Nel 1992 fonda il gruppo Porte Girevoli del quale è tutt’ora direttore artistico.

Il 1995 segna il suo inizio nel campo della lirica: Claudio è chiamato presso enti lirici italiani e stranieri per regie, scenografie, costumi. Attività questa che svolge tutt’oggi parallelamente alla sua compagnia. Dall’inizio del 2000 intensifica la collaborazione con vari artisti, musicisti e danzatori di livello internazionale. Spettacoli quali L’Anatomia dell’Anima, I Testimoni di Diego Fabbri, Dreamers, Kabarett 13, e Fortepiano ne sono un esempio. Claudio Cinelli rappresenta da diversi anni una vera e propria autorità nel campo del Teatro di Figura internazionale. Tiene stage di qualificazione e formazione per Istituti ed Accademie teatrali, e ha partecipato a circa 500 festival sia in Italia che all’estero. Ha progettato ed allestito importanti mostre, è laureato in Architettura con una tesi su “Storia e tecnica del teatro di figura”. Ha un diploma di Regia e Scenografia ottenuto frequentando i corsi del Centro Busoni di Empoli condotti da Virginio Puecher. Attualmente vive e lavora a Vinci (Firenze).

SCHEDA:

Workshop di Formazione | LA MANO NEL TEATRO DI FIGURA | a cura di CLAUDIO CINELLI

SABATO 22 FEBBRAIO 2020 + DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

orario 10:00 – 13:00 e 15:00 – 19:00

COSTI

130 € a persona

Sconto allievi Antitesi, allievi Sentieri e Promo San Valentino: 100 € a persona

Informazioni: 

teatrorossini@gmail.com

By