Teatro Verdi. Passaggio di consegne tra Giuseppe Toscano e Patrizia Tangheroni

PISA – Avvenuto formalmente questa mattina, attraverso la presentazione agli organi di Informazione presso la Sala Stampa del Comune di Pisa, il passaggio di consegne alla Presidenza del Teatro Verdi tra l’Avv. Giuseppe Toscano e l’On. Patrizia Paoletti Tangheroni, all’uopo nominata dal Sindaco Michele Conti, che fruisce della sua collaborazione anche quale consigliere strategico all’interno della propria Amministrazione. Nel frattempo l’Avv. Toscano andrà ad occupare un ruolo all’interno della deputazione della Fondazione Pisa.

di Giovanni Manenti

“Questa mattina avviene il passaggio tra l’avvocato Toscano che è stato Presidente del Teatro Verdi per 10 anni- afferma il Sindaco Michele Conti –  e l’onorevole Paoletti Tangheroni, e la nomina di quest’ultima ritengo che rappresenti una corretta continuità di gestione, mantenendo alto il livello culturale che l’avvocato Toscano ha garantito nella sua gestione, e fatemi dire che anche con questa nomina la nostra Amministrazione confermi come ci stiamo contornando di personaggi di assoluto valore, rispetto a quanto ventilato dalle opposizioni”.

“Sono stati anni stupendi – afferma Toscano – durante i quali ci siamo occupati della struttura principalmente, così che posso dire di lasciare alla Paoletti un teatro su cui poter ulteriormente lavorare per altri miglioramenti, tra cui individuo una migliore razionalizzazione dei teatri tra Pisa, Lucca e Livorno, oltre a come attirare capitali e/o contributi privati ed infine un patronaggio politico per il nostro teatro, al quale in questi anni è mancato il contributo se rapportato al maggiore spessore degli spettacoli che noi abbiamo prodotto e con un’accoglienza di pubblico non paragonabili ad altre realtà, con la speranza di poter sempre più valorizzare le eccellenze del nostro territorio”.

“Sono un po’ commossa – confida Paola Tangheroni – per le manifestazioni di affetto ricevute in questi ultimi giorni, che determinano anche delle aspettative nei miei confronti, felice comunque di aver ereditato una situazione che la gestione dell’avvocato Toscano ha ottimamente lasciato, con l’ulteriore vantaggio di potermi adattare con il tempo a mia disposizione visto che il programma della stagione è già stato calendarizzato. Per quanto riguarda l’aspetto economico-finanziario, io sono molto abile nel creare occasioni per ottenere finanziamenti, tra cui non escludo l’azionariato diffuso affinché le persone possano essere il più possibile coinvolte nel condividere un patrimonio così importante sotto l’aspetto artistico-culturale per la nostra città quale è il Teatro Verdi, per poi seguire il consiglio dell’avvocato Toscano in merito alla ricerca di valorizzare il più possibile le eccellenze pisane, tra cui penso all’Orchrestra universitaria ed i corpi di danza locale”. Ritengo che un maggior dialogo tra i teatri sia utilissimo anche se credo sia più difficile per quanto riguarda l’operistica, pur non nascondendo che uno spettacolo teatrale unitario potrebbe ottenere maggiori finanziamenti anche a carattere europeo con ulteriori vantaggi sotto il punto di vista di eventuali economie di scala rispetto al contenimento dei costi”.

By