Temporaneo divieto di balneazione a Marina di Vecchiano

MARINA DI VECCHIANO – Nella giornata di giovedì 11 giugno il Comune di Vecchiano ha ricevuto comunicazione da Arpat che, in seguito alle campionature effettuate lo scorso 9 giugno le acque di balneazione presso la foce del fiume Serchio e Marina di Vecchiano non risultano idonee a balneazione per la presenza eccessiva di batteri coliformi, situazione dovuta al maltempo degli ultimi giorni, con un cumulo enorme di detriti e di rifiuti, formatosi lungo il corso del fiume e arrivato alla foce del Serchio.


Ho firmato un’ordinanza di divieto temporaneo di balneazione per le due suddette aree, a tutela della salute pubblica”, ha detto Massimiliano Angori Sindaco di Vecchiano – Confidiamo che si tratti di una situazione assolutamente temporanea, anche perchè le zone in questione non possono essere classificate come recettore di alcuna attività posta nel nostro Comune. Anche per quest’ultimo motivo, ho altrettanto tempestivamente inviato una nota ad Arpat affinchè le zone siano attentamente monitorate anche nei prossimi giorni, con campionature e relative analisi, in modo che il divieto di balneazione possa essere revocato quanto prima. Resta indubbio il problema che la pessima situazione meteorologica, con tanto di due allerte meteo arancio nel giro di una settimana, ha provocato anche sull’arenile, per il quale è andato completamente distrutto il lavoro di manutenzione eseguito dal Comune per avviare la stagione estiva.Abbiamo già scritto alla Regione Toscana per avere un supporto economico per effettuare una idonea pulizia della spiaggia libera, tanto più necessario visto che adesso le attività possono riprendere dopo il lockdown seppure con le dovute precauzioni, alle quali il Comune fa fronte, anche economicamente, attraverso le attività di presidio previste dalle normative anticontagio. Le attività di presidio e controllo messe a punto sono, infatti, organizzate e finanziate direttamente dalla nostra Amministrazione Comunale“.

By