TG Coin ore 17

ISIS: finanziamenti tramite bitcoin

Una donna di New York è stata condannata a 13 anni di prigione dopo essersi dichiarata colpevole di aver fornito finanziamenti tramite bitcoin allo Stato islamico dell’Iraq e ad al-Sham (ISIS). Secondo un rapporto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti del 13 marzo, la donna chiamata Zoobia Shahnaz di Long Island ha ingannato diverse banche per riciclare denaro e fornire supporto materiale all’ISIS tra marzo 2017 e luglio 2017. Shahnaz è stato in grado di ottenere un prestito bancario per circa $22.500 oltre a più di una dozzina di carte di credito.

Striscia la Notizia difende bitcoin

Proprio ieri sera, in uno dei servizi di Striscia la Notizia, si è parlato di bitcoin! Il celebre inviato Marco Camisani Calzolari nel servizio ha esplicitamente detto: “I bitcoin in sè non sono una truffa!”. Lo ha esplicato durante un servizio che trattava delle solite truffe, che parlava di quelli che solitamente raggiungono telefonicamente le persone e, in questo caso specifico, provare a convincerle ad “investire in bitcoin”. Ma la realtà è un’altra: non fanno investire nulla e spillano solo denaro per propri scopi personali. Striscia, in passato, si era già occupata di queste truffe.

Imprese bitcoin controllate dal ministero indiano

Un deposito presentato nella camera bassa del parlamento indiano – il Lok Sabha – ha rivelato un’indagine su pratiche fraudolente da parte delle cosiddette “società a moneta ridotta” che operano nel Paese. Una domanda ufficiale è stata presentata dal parlamentare di centrosinistra Mohammed Faizal. Il 16 marzo la risposta è arrivata dal Ministro di Stato per le finanze e gli affari societari Anurag Thakur.

Craig Wright e le spese legali

Continua il caso Craig Wright. Circa una settimana fa vi abbiamo parlato del caso di Craig Wright, il potente sostenitore di Bitcoin in SV. Citato in giudizio dalla tenuta di Dave Kleiman. Un tempo era l’ex partner commerciale di Wright nei primi tempi di Bitcoin. Il caso sostiene che Wright ha frodato la legittima richiesta di Kleiman di 1,1 milioni di bitcoin, che attualmente valgono oltre $ 5 miliardi. Il procedimento contro l’autoproclamato Satoshi Nakamoto continua. Wright è stato condannato a pagare spese legali per un totale di $ 165.000 secondo un documento giudiziario. Vale la pena notare che il giudice ha rimosso alcune delle tasse, ma il conto non è altro che considerevole.

Holdlers Bitcoin

Il recente grafico di Glassnode ha rivelato che la variazione netta della posizione in termini di hodlers Bitcoin è stata positiva dal crollo del mercato del 12-13 marzo. Il grafico allegato è una chiara indicazione del fatto che gli investitori hanno colto l’occasione e accumulato Bitcoin a un tasso ridotto, migliorando al contempo le loro posizioni sul mercato. Questo, per molti nella comunità, avrebbe potuto essere una mossa intelligente da quando Bitcoin, in alcuni scambi, era sceso a $ 3800 nel corso del periodo sopra menzionato.

By