TG Coin ore 17

Coronavirus non ferma Ripple

L’epidemia di coronavirus ha dunque dimostrato di essere dannosa sia per le grandi che per le piccole imprese. Secondo il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, la sua azienda privilegia la salute dei suoi lavoratori, indipendentemente da ciò continua a servire i propri clienti anche in questo momento critico. Nonostante si unisca alla folla di tecnici che lavorano da casa, Ripple è ancora determinata a dare una mano a chi ne ha bisogno. Garlinghouse afferma che stanno “facendo tutto il possibile” per consentire alle persone di inviare pagamenti transfrontalieri ai propri cari.

Cripto incentivata dal Venezuela

Oggi il trading di Bitcoin peer-to-peer è aumentato in Venezuela dopo aver chiuso le banche in una quarantena nazionale per combattere la diffusione del coronavirus. Il 17 marzo, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha portato una quarantena a livello nazionale per rallentare la diffusione di COVID-19. Con solo 33 casi di coronavirus finora confermati, l’amministrazione spera che le misure di emergenza impediranno al suo sistema sanitario di essere travolto da un rapido aumento delle infezioni.

Truffa sui bitcoin: 2 canadesi arrestati

Due cittadini canadesi sono stati condannati a due anni di prigione negli Stati Uniti per una truffa sui bitcoin eseguita tramite la piattaforma di microblogging Twitter. I presunti truffatori, Karanjit Singh Khatkar e Jagroop Singh Khatka, sono stati condannati a 24 mesi di carcere federale con tre anni di rilascio controllato per aver cospirato e aver commesso frodi e riciclaggio di denaro.

Pompliano spiega la crisi di mercato

Come ormai molti di voi sanno, il coronavirus ha creato un rallentamento economico che ha avuto un impatto enorme sui mercati finanziari e azionari di tutto il mondo. Naturalmente, ha anche causato un grave impatto negativo sul mercato delle criptovalute. Bitcoin ha perso il 40% del suo valore in un giorno. Mentre l’intero mercato ha visto la perdita di circa 150 miliardi di dollari. Anthony “Pomp” Pompliano, è un noto commentatore di criptovaluta. Nonché co-fondatore e partner di Morgan Creek Capital,  tenterà di fornire alcune possibili soluzioni. Spiegando le ragioni dell’attuale tracollo del mercato.

Apache Struts e WordPress sistemi vulnerabili

Negli ultimi 10 anni, oltre la metà di tutti i bug di sicurezza che sono stati armati riguardavano due framework di applicazioni: Apache Struts e WordPress.  Un recente studio incentrato sull’analisi di tutte le vulnerabilità divulgate nell’ultimo decennio ha portato a una scoperta piuttosto interessante. Secondo gli analisti, circa il 55% di tutte le vulnerabilità di sicurezza che sono state scoperte, armate e sfruttate durante questo periodo erano solo per due principali framework applicativi: Apache Struts e WordPress.

Loading Facebook Comments ...
By