Tirrenia. Gli imprenditori chiedono lo spostamento dei cassonetti

TIRRENIA – Attualmente sono in piazza Belvedere, collocati proprio di fronte a bar e ristoranti. Per questo, in occasione del sopralluogo effettuato questa mattina dagli assessori Filippo Bedini (ambiente) e Paolo Pesciatini (commercio e turismo), il gruppo degli imprenditori del direttivo di Tirrenia di ConfcommercioPisa ha raccomandato alcuni interventi sulla questione dei cassonetti di piazza Belvedere.

E’ stato un sopralluogo costruttivo e noi abbiamo espresso quelle richieste che ci sembrano di buonsenso e opportunità” – spiega il presidente diConflitorale Fabrizio Fontani:“Pensiamo che una collocazione alternativa a quella attuale, così centrale, sia opportuna e sicuramente preferibile, considerando l’eccessiva vicinanza di locali e ristoranti che senza dubbio meritano un contesto e un colpo d’occhio diverso”. Fontani apprezza “l’impegno dell’amministrazione comunale nell’intensificare periodicamente le operazioni di svuotamento e pulizia dei cassonetti, anche per contrastare l’effetto dei cattivi odori, così come la disponibilità della stessa amministrazione a individuare quanto prima una collocazione differente degli stessi cassonetti. Al di la del singolo problema, l’aspetto più importante è l’impegno al dialogo, al confronto e alla condivisione che gli assessori hanno confermato con i fatti, e questo apre una finestra di speranza e di ottimismo in vista di un vero rilancio del litorale pisano”.

Lo spostamento di questi cassonetti sarebbe sicuramente un importante passo in avanti” – conclude il presidente di Conflitorale ConfcommercioPisa – “considerando che per noi la scelta in assoluto migliore resta quella di piazza dei Fiori, sicuramente più defilata e meno impattante rispetto a piazza Belvedere, più centrale e densa di attività. Questo spostamento permetterebbe di garantire la stessa fruibilità e funzionalità del servizio di raccolta dei rifiuti, evitando di penalizzare le attività commerciali, perseguendo nei fatti quell’interesse generale che è il segno di una buona amministrazione”.

By