Torna a Pisa la settima edizione di Internet Festival. Quattro giorni attraverso il racconto della rete e i suoi protagonisti

PISA – Da oggi, giovedì 5 ottobre fino a domenica 8 ottobre torna a Pisa Internet Festival edizione 2017, la manifestazione che fa il punto sulla digitalizzazione della società contemporanea attraverso il racconto della Rete e dei suoi protagonisti, con decine di appuntamenti diffusi su tutto il territorio e numerosi ospiti, tra esperti del settore e personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo. Giunto alla settima edizione, IF2017 sceglie come parola chiave #sentiment e si propone di indagare modelli culturali e di comportamento delle community digitali, coinvolgendo i partecipanti in maniera sempre più diretta. Installazioni interattive, workshop formativi e showcase esclusivi accompagneranno il pubblico nel futuro del web. Oltre 50 le attività per gli studenti, con i T-Tour dedicati all’uso consapevole dei social network, laboratori di uso e riuso dei dispositivi hi-tech e anche un Restart Party, per imparare a riparare dispositivi elettronici.

FAKE NEWS, POST VERITA’ E DEMOCRAZIA. Attesi alcuni tra i più noti “cacciatori di fake news” al mondo, tra cui Paolo Attivissimo e Graham Brookie, che interverranno nella sezione Bufale, post verità e democrazia insieme ai sociologi Davide Bennato e Alessandro Dal Lago, ed esperti di comunicazione e processi culturali come Annamaria Testa, Dino Amenduni, Massimiliano Panarari. Nell’ambito della sezione Odi@amo attesi i contributi di Luciano Spinelli, Stella Pulpo, Eleonora Olivieri, Maurizio Tesconi, Matt Stokes, Rosy Battaglia e Anna Akbari, che ci mostreranno il lato buono del web attraverso una sessione di Digital Happyness. L’esplorazione delle emozioni sarà declinata anche sotto forma di “Follia della Rete”, attraverso l’attualizzazione di Ariosto e la digitalizzazione del patrimonio letterario legato all’Orlando Furioso a cura di Lina Bolzoni. Un viaggio fra parole e immagini, amore e follia, a cui seguirà la proiezione, in prima nazionale, del video delle letture dell’Orlando da parte di alcune fra le più interessanti voci del teatro italiano (da Anna Bonaiuto a Roberto Herlitzka) e la presenza dal vivo di Peppe Servillo.

DALLA PRIVACY ALL’ANTITERRORISMO – Al centro di #IF2017 anche la Cybersecurity, sia dal punto di vista dell’Intelligence e delle operazioni di antiterrorismo, che dal punto di vista della sicurezza informatica, dei sistemi di autodifesa delle aziende, degli hacker indipendenti. Gli incontri, coordinati dalla giornalista Carola Frediani, avranno tra i protagonisti alcuni tra i maggiori esperti a livello internazionale: Alessandro Piva (Ingegneria delle Telecomunicazioni), Claudia Biancotti (Senior Economist Banca d’Italia), Matteo Flora (analista ed esperto di web reputation), Lucie Krahulcova (esperta di cybersecurity), Andrea Rigoni (“padre” del progetto di identità digitale della fondazione Poste Italiane), Nunzia Ciardi (direttrice della Polizia Postale), Fabio Massa (Investigazioni Scientifiche e Digitali) e gli hacker etici Claudio Guarnieri e Vincenzo Iozzo con un importante contributo di Emergency, che presenterà la campagna contro la guerra WARS/WAS: Potremo mai sostituire WAR con WAS?, protagonista anche di un’installazione ad alto impatto sotto la Loggia dei Banchi di Pisa.

I BIG DATA E L’IMPRESA 4.0 – Riflettori puntati, poi, sull’influenza dei Big Data nell’approccio al mercato di milioni di aziende nel mondo e sulla trasformazione manifatturiera determinata dalla produzione 4.0. Tra i relatori Vesselin Popov del Cambridge Judge Business School dove conduce progetti tra big data e psicometria predittiva applicata al business e alle community. Altri interventi di Luigi Serio, Anna Giunta, Matteo Vignoli.

START- UP E MARKETING NON CONVENZIONALE – Ci sarà spazio anche per parlare di PMI e startup, protagoniste della Scena Digitale curata dal CNR di Pisa e da Registro.it, che quest’anno festeggia 30 anni, con un’attenzione particolare al marketing non convenzionale e alla formazione.

LEGGI, DIRITTI E PIRATI – Copyright e tutela della creatività saranno al centro degli incontri sotto l’insegna Leggi, diritti e pirati, a cura di Fernanda Faini e Dianora Poletti. Tra gli ospiti coinvolti: Giovanni Buttarelli, Alberto Maria Gambino, Antonio Nicita, Giangiacomo Olivi, Mario Bonafé, Francesco Paolo Micozzi, Raffaele Barberio, Marco Bani, Guido Scorza, Isabella Splendore, Fulvio Sarzana.

AFTER CAROSELLO – Da non perdere il focus sulle nuove frontiere dell’advertising con The day after Carosello, incontro condotto dal direttore di IF2017, Claudio Giua, in cui si analizzeranno i nuovi trend in materia di investimenti pubblicitari. Dalla programmatic advertising per arrivare alle pubblicità moleste e occulte da combattere attraverso un patto tra tutti gli operatori della filiera, un confronto che si annuncia serrato con protagonisti, tra gli altri, Massimo Russo, Giovanna Maggioni, Fabrizio Carotti, Alessandro Furgione, Luca Bordin, Giancarlo Vergori.

NUOVE FRONTIERE DEL TURISMO – Due approfondimenti saranno dedicati a uno dei settori chiave del nostro Paese, il turismo. Nel primo si parlerà di accessibilità turistica per i disabili, nel secondo l’attenzione sarà tutta per le nuove frontiere dello storytelling nella promozione dei territori. Argomento a cui si legherà il palinsesto dell’area Cibo: etica, piacere e bellezza dove saranno affrontate le problematiche legate all’esigenza di difendere le colture locali, promuovere le diversità dei prodotti, potenziare i mercati di prossimità grazie alla tecnologia e contribuire alla sostenibilità ambientale ed economica. Tra eventi e performance digital-alimentari, gli interventi di Luciana Squadrilli, Adalbert Diouf, Elisabetta Tola, Gaetano Carboni, Riccardo Bocci.

TRA MUSICA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA – Lo stato della ricerca in Italia sarà il filo rosso di RIFF: Ricerca, Innovazione, Filosofia e Futuro, format innovativo in cui i responsabili di aziende, atenei e centri studi di eccellenza si confronteranno sul tema della crescita del nostro paese, intervallati da musica e comicità. Tra i relatori coinvolti: Google Engineering con Prabhakar Raghavan, Miguel Benasayag autore del libro “Cervello aumentato, uomo diminuito”, il chirurgo Ugo Boggi, il sociologo politico Joan Subirats.

AGENDA DIGITALE – Anche la Regione Toscana sarà ad #IF2017 con case history legate alle politiche giovanili, a partire da Giovani Sì, agenda digitale e altre iniziative di settore. La Regione sarà inoltre presente con uno spazio alle Logge dei Banchi per illustrare i servizi online. Presso lo stand sarà possibile anche acquisire la propria identità digitale SPID.

WEB MARKETING E 30 ANNI DI .IT – Registro .it come sempre guarda alle imprese: in programma una giornata dedicata alla formazione su email marketing e Facebook strategy con Alessandra Farabegoli ed Enrico Marchetto, una alle startup early stage con il Bootstrap in collaborazione con Startupitalia! e il gran finale domenica pomeriggio per festeggiare i suoi 30 anni con le storie a .it di Sonia Peronaci, Gazzetta.it, Luca Dini (vanityfair.it), Francesca Barbieri (fraintesa.it), Dirk Pinamonti (CartaSì) e molti altri.

GAMEBOX E MARATONE DI SVILUPPO – Come da tradizione, ampio lo spazio che IF2017 dedicherà al gaming: nell’area Gamebox sono previste due maratone di sviluppo (jam) per adulti e per bambini, oltre a laboratori, incontri e workshop (vedi scheda dedicata).

CINEMA, TEATRO E LENIN IN OLOGRAMMA – Teatro, musica, cinema e letteratura all’insegna dell’innovazione saranno protagonisti del programma culturale di #IF2017 (vedi scheda). Da segnalare: lo spettacolo teatrale Rivoluzione 17, curato da I Sacchi di Sabbia, che porterà in scena nientemeno che l’ologramma di Lenin; gli incontri Anelli, ghirlande e scale: l’illusione e il paradosso di Gödel, Escher, Bach, una serie di dialoghi pensati per esplorare l’intreccio che lega arte, musica e matematica; “Visioni”, l’area dedicata al cinema e alle arti visive, che sarà inaugurata dal fotografo Joan Fontcuberta e che parlerà del potere delle immagini tra finzione e realtà, intervistato dal giornalista Michele Smargiassi.

PAGINE DI CARTA E PAGINE VIRTUALI, TUTTI I LIBRI DI IF2017 – Ricca la sezione Book(e)book, dedicata al tema #sentiment e innovazione, che porterà a IF2017, tra gli altri, Tommaso Novi, con Mi sono scavato la casa, libro autobiografico in uscita insieme a un webgame, Roberto Emanuelli con E allora baciami, Simone Cosimi con Nasci, cresci, posta (venerdì 6), Bruno Mastroianni con La Disputa Felice. Dissentire SENZA LITIGARE sui social network, sui media e in pubblico, Il Lercio con Lo sporco che fa notizia, Stella Pulpo con Fai uno squillo quando arrivi (sabato 7), Luciano Spinelli con Insieme, Massimo Sideri e Umberto Ambrosoli con Diritto all’oblio, dovere della memoria. L’etica della società interconnessa, Remo Bodei con Geometria delle passioni (domenica 8). Ilenia Zodiaco e Matteo Fumagalli ci guideranno, invece, alla scoperta di Booktube, il canale di YouTube animato da chi ama leggere e condividere le proprie letture. Tante anche le installazioni oltre a quella di Emergency alla Loggia dei Banchi: “The iceberg” a esplorare il darkweb, “La macchina” sull’interazione uomo-macchina, “Heart sync”, installazione che “misura il polso” a chi la visita, “Wize Mirror”, “Cronos”, “Oltre le Generazioni”, “Mixed reality”. E poi GRUNF, Egg sentiment e Face2face che fanno parte del progetto IF Remix sul riuso artistico di materiale delle scorse edizioni di IF.

Internet Festival è promosso da Regione Toscana, Comune di Pisa, Registro.it e Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore insieme a Camera di Commercio di Pisa, Provincia di Pisa e Associazione Festival della Scienza. La progettazione e l’organizzazione sono a cura di Fondazione Sistema Toscana. Il direttore del Festival è Claudio Giua. Project leader Adriana De Cesare (Fondazione Sistema Toscana). Anna Vaccarelli (IIT-CNR) e Gianluigi Ferrari (Università di Pisa) coordinano rispettivamente il comitato esecutivo e scientifico.

Internet Festival, 5 – 8 ottobre 2017, Pisa; www.internetfestival.it Ingresso libero

La Presentazione

Lei, Iolanda Iacono, una laurea in psicologia con master sul rapporto tra uomo e macchina, è l’amministratrice del gruppo, una spin-off aretina di quattro giovani soci, nata all’interno dell’Università di Siena, che è anche l’unica toscana tra le sei finaliste dell’.itCup di Registro.it, la competizione dedicata alle startup del Cnr che si concluderà con la finalissima del 26 ottobre a Roma. E “Squeeze me” è il loro prodotto, un cover interattiva per tablet che dialoga con i software dell’apparecchio via bluetooh e li attiva con una semplice pressione, strizzandola.

Iolanda e la sua “Glicht Factory” – composta anche da Patrizia Marti come referente scientifico, il sesigner Michele Tittarelli e l’ingegnere Matteo Sirizzotti – saranno presenti a IF2017, l’Internet Festival di Pisa presentato oggi nel corso di una conferenza stampa a Firenze e che animerà la città della torre pendente dal 5 all’8 ottobre. Settima edizione dell’evento, compresa la prima che non non si svolse nella città ma all’interno delle stanze del Cnr.

Dalla cover “Squeeze me”, che tradotto significa appunto, parte di un progetto del 2014 finanziato dall’Unione Europea, i quattro soci hanno iniziato a lavorare ad applicazioni in grado di sfruttarne le caratteristiche. Oggi hanno presentato “Squeeze me to zoom”, l’app con cui gareggiano nell’.itCup, un applicativo android che consente di zoommare mentre si scatta una foto senza staccare le mani dalla cover, semplicemente variando la pressione delle dita sulla copertura. Appare evidente il suo possibile utilizzo nel gaming, alla prese con il più classico gioco di Formula 1 o Moto Gp: basterà premere o allentare la presa sulla cover per accelerare e decelerare. Ma “Squeeze me”, racconta Iolanda, potrebbe essere utilizzata anche nella riabilitazione di persone con una ridotta mobilità delle mani, per monitorare magari real time da parte dei terapisti i progressi dei pazienti.

Nella conferenza stampa fiorentina di #IF2017 è stato ospite anche Tommaso Novi (ex Gatti Mezzi), musicista e compositore pisano al suo esordio come scrittore con “Mi sono scavato la casa”. Il volume verrà presentato in anteprima all’Internet Festival di Pisa e racconta una generazione che cerca nella Rete una via di uscita alle proprie fragilità, un rifugio ma anche la strada per una possibile rinascti: il ritratto di un nerd del nuovo millennio tra amore, dipendenza e videogames. Il libro segue al primo album da solista del musicista uscito nei mesi scorsi, “Se mi copri rollo al volo”; lo completa a suo modo e precede un videogames per smartphone e tablet, ultima parte del trittico, atteso per il prossimo gennaio.

Sette anni di Internet Festival a Pisa, compresa la prima edizione all’interno del Cnr. E in sette anni il mondo è cambiato e quei temi, che sembravano allora da addetti ai lavori, smanettoni e nerd incalliti, hanno oramai invaso la vita di tutti e di tutti i giorni.

Internet, i toscani e il loro rapporto con la Rete: il rapporto 2017 Lo sottolinea l’assessore ai sistemi informativi della Toscana, Vittorio Bugli, che stamani ha aperto la presentazione fiorentina, dopo quella due settimane fa a Milano, dell’evento pisano. Un festival fortemente sostenuto dalla Regione e che animerà la città dal 5 all’8 ottobre, con il via dunque tra meno di dieci giorni. “Un festival – dice Bugli – non di soli effetti speciali ma con approfondimenti seri ed ospiti di assoluto livello”.

A Pisa si parlerà così di informazione sulla rete, di come internet si elabora la verità e delle fakenews, ovvero le bufale e notizie false. “Sette anni fa – ricorda l’assessore – l’informazione era fatta essenzialmente di carta, televisione e radio. Oggi non si può invece prescindere dalla rete”. Si discuterà come il rispetto della privacy può stare insieme al contrasto del terrorismo, annota ancora Bugli, di temi legati allo sviluppo e di quanto pesano o possono pesare i big data rispetto a sette anni fa. Si discuterà di cybersecurity e dell’internet delle cose, degli oggetti cioè che utilizziamo tutti i giorni, oramai non più qualcosa di fantascientifico, che dialogano tra loro e con noi utilizzando la Rete, dai sensori per il fitness al termostato di casa intelligente, dal tempo libero alla domotica, e di quante implicazioni questo comporti, come sottolinea il direttore di IIT-CNR Domenico Laforenza, e di quanto importante sia attrezzarsi per proteggerne dunque l’accesso, vista la mole di dati sensibili che vi transitano. E poi ancora si parlerà della rete e la necessità dell’interpretazione ed adeguamento delle norme, della democrazia digitale, dell’hate speech e delle nuove frontiere della tecnologia: del turismo anche, alle prese con tecniche di storytelling sempre più innovative e con il mondo dell’advertising 2.0. “Sette anni fa chi organizzava le vacanze su internet e chi oggi – dice l’assessore – invece non l’organizza?”.

Assieme a Bugli e Laforenza hanno partecipato alla presentazione dell’Internet Festival a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione, il presidente della Fondazione Sistema Toscana Iacopo Di Passio, l’assessore alla cultura del Comune di Pisa Andrea Ferrante e il direttore di Internet Festival 2017, il giornalista Claudio Giua.

#IF2017: ecco “Squeeze me”, la cover che si strizza, e il libro di Tommaso Novi Il tema scelto per l’edizione 2017 del festiva è il ‘sentiment’ della rete, per raccontare la società contemporanea e la sua digitalizzazione: non solo con incontri, dibattiti e workshop ma anche performance e installazioni artistiche, tutte ad ingresso libero. Il programma aggiornato è consultabile on line sul sito di IF2017, all’indirizzo www.internetfestival.it.

La Regione sarà direttamente presente a Pisa dal 5 all’8 ottobre con postazioni sotto la Loggia dei Banchi dove si potrà attivare la tessera sanitaria Spid, la chiave unica di accesso ai servizi e saranno spiegati i tanti servizi on line già disponibili sulla piattaforma della Regione open.toscana. Si parlerà il 6 ottobre, alla Scuola Normale dalle 15 alle 18, di agenda digitale, con un punto sulla situazione toscana, e dei finanziamenti a disposizione degli enti locali. Il tema sarà anticipato, nella mattina del 6 ottobre, da un evento promosso da Giovanisì dalle 11 alle 13: “Touch PA, storie di pubbliche amministrazioni digitali”.

Il giorno dopo, il 7 ottobre, sempre alla Normale ma dalle 10 alle 13, il focus sarà invece duplice: uno sguardo sul possibile futuro da qui a cinque o dieci anni e lo sviluppo di nuovi servizi per i cittadini, ma anche le problematiche crescenti di sicurezza e riservatezza. Altri temi affrontati nei quattro giorni saranno il turismo e l’economia nel suo rapporto con internet e le industrie creative e diritto d’autore. Non mancheranno anche quest’anno, punto di forza fin dalla prima edizione del festival, i T-Tour, percorsi formativi ed educativi a tutto tondo per saziare ogni curiosità ed orientarsi nel mondo della rete, con molti appuntamenti rivolti a studenti di primarie e secondarie.

Il Festival di Pisa, oltre che dalla Regione, è sostenuto da Comune di Pisa, Registro.it e l’istituto di informatica e telematica del Cnr, l’Università di Pisa, la Scuola Superiore Sant’Anna, la Scuola Normale, Camera di Commercio, Provincia e Associazione Festival della scienza. L’organizzazione è della Fondazione Sistema Toscana, società in house della Regione.

By