Toscana Aeroporti risponde alle accuse. “La certificazione dell’Aeroporto non è a rischio. Qui qualcuno non ha a cuore le sorti dello scalo”

PISA – Con riferimento ai lavori che interesseranno i dispositivi antinebbia per consentire interventi sui terreni (di pertinenza della zona militare) oggetto di possibile inquinamento, Toscana Aeroporti risponde in una nota stigmatizzando i toni inutilmente allarmanti.

Chi si definisce “amico di Pisa” e invece continua inesorabilmente ad alimentare paure e sospetti inesistenti dimostrando, – continua la nota – all’esatto contrario, di non avere assolutamente a cuore le sorti dello scalo pisano e della sua città.

Continuare ad alimentare queste falsità significa arrecare un danno irreversibile nei confronti dello scalo, dei lavoratori e dell’intero territorio, già duramente colpiti dagli effetti della pandemia da Covid-19. Da queste accuse Toscana Aeroporti intende costituirsi parte lesa.

Nel merito, che è quello su cui i suddetti allarmisti troppe volte si dimenticano di concentrarsi, Toscana Aeroporti sottolinea che la certificazione dell’aeroporto Galileo Galilei in CAT 2 non è minimamente a rischio. Il sistema sarà disattivo per un periodo di tempo limitato, condizione che non mette in discussione la certificazione, i lavori di ripristino sono stati programmati in un periodo in cui sostenere l’esistenza di un “pericolo nebbia” suona francamente ridicolo, purtroppo, al momento, il traffico aeroportuale è ancora estremamente limitato a causa del Covid. La già esigua possibilità di condizioni di visibilità avversa nei mesi estivi avrà un impatto irrilevante sul traffico.

By