Tre gruppi inglesi in lizza per l’acquisto dei Cantieri di Pisa

PISA – Entro ottobre i Cantieri di Pisa potrebbero avere un nuovo proprietario, tra i tre gruppi inglesi che hanno manifestato l’interesse per l’acquisto.

Già dall’inizio dell’anno i 55 dipendenti del cantiere nautico potrebbero tornare al lavoro dopo oltre due anni di cassa integrazione per portare a termine gli scafi che si trovano nei capannoni dello stabilimento del gruppo Baglietto in liquidazione. I potenziali acquirenti hanno già assicurato di reintegrare tutte le maestranze. In lizza per far rivivere il marchio del Gabbiano e il cantiere pisano, l’ultimo rimasto senza acquirenti dopo lo spezzettamento deciso dal liquidatore Federico Galantini, ci sono gli inglesi della Cris Craft, che a Pisa hanno incontrato istituzioni, sindacati e lavoratori, un gruppo coreano che fa capo ad un fondo di investimento asiatico e un gruppo italiano (forse Gavio) che si è manifestato nei giorni scorsi durante il Salone nautico di Genova allo stesso Galantini.

“Abbiamo incontrato l’imprenditore inglese Stephen Julius della Cris Craft e i suoi soci Nick Sanders e Mark Aldridge della “Better Capital”. Nell’incontro abbiamo compreso come vi sia un interesse industriale forte e motivato per l’acquisto delle attività della “Cantieri di Pisa” e per lo sviluppo di altre attività. Ciò per il valore del marchio, per quello della capacità produttiva che esprime l’insediamento dei Navicelli e per le potenzialità che ad esso sono collegate». Così il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi si esprime sull’incontro con i potenziali acquirenti dello storico cantiere nautico pisano.Comune e Provincia hanno dato le rispettive disponibilità a verificare ogni aspetto di collaborazione, anche in rapporto con la Regione, per mantenere l’occupazione e dare futuro ad una grande tradizione d’impresa”

 

You may also like

By