Trofeo Pisa Petanque. Due giorni di gioco e divertimento a Riparbella

PISA – Nel week end del 15 e 16 settembre si è tenuto il terzo appuntamento del Trofeo Pisa Petanque “Giancarlo Vitali”, gara di petanque organizzata dall’ASD Pisa Bocce, che richiama ogni anno in terra toscana tra i migliori specialisti delle bocce “piccole”, alla francese.

Quest’anno la due giorni di gare si sono svolte a Riparbella, nei campi da gioco frequentati per anni da Giancarlo Vitali che, originario di Milano, aveva scelto come residenza Santa Luce, sulle belle colline tra Pisa e Livorno.
Anche quest’anno hanno risposto positivamente diversi giocatori delle massime categorie, provenienti da diverse regioni d’Italia: Piemonte, Liguria, Lombardia, Lazio e Friuli.
Sotto la direzione di gara del sig. Antonio Satta di Genova, i gironi eliminatori dei due tornei organizzati dall’ASD Pisa Bocce e dalla FIB (a coppie il sabato, a terne la domenica) sono stati effettuati presso il Parco Alberto Dalla Chiesa, mentre le fasi finali si sono svolte sugli storici campi ai “Proggi”, dove i giocatori più forti, anche in notturna, hanno dato spettacolo di fronte ad un folto pubblico.
A vincere la gara a coppie sono stati il fortissimo giocatore SENEGALESE Babacar Dieng (in forza alla società Casanova di Genova), da anni amico degli appassionati toscani della petanque, abitando a Santa Croce sull’Arno, e Gianluca Grondonadell’ABG di Genova. 
Secondi classificati la coppia ligure/piemontese formata daGiovanni Saccu (giocatore di serie A in forza alla Casanova di Genova) e Livio Pignocco (della Canavese  – To). 
Terzi e quarti classificati le due coppie laziali della Tittarocca Petanque (provincia di Frosinone) formate da Douam Bhelaid/Rocca Lorenzo Jr. e da Rocca Gianfranco/Rocca Lorenzo.
Anche la competizione a terne disputata la domenica ha regalato emozioni, frutto di un forte equilibrio tra le tre/quattro formazioni favorite alla vigilia. A portare a casa l’edizione 2018 del trofeo Pisa Petanque è stata una terna dell’ABG di Genova (dopo la vittoria piemontese degli atleti della Valle Maira nel 2016 e degli atleti della Casanova di Genova nel 2017) formata dagli esperti Caponi Dino e Bossi Romano insieme al forte senegalese Baye, che hanno superato in una bellissima finale i vincitori del torneo a coppie del giorno precedente (Babacar/Grandona) che giocavano in terna insieme a Hamdi Barkach dell’ABG Genova.
Terzo posto per la terna laziale della società Tittarocca formata da Rocca Gianfranco/Rocca Lorenzo/Douam Bhelaid e quarto posto per la terna mista friulana/pisana composta daRidolfo Dino/Lucardi Umberto/Lazzeroni Carlo.
Al termine delle gare e prima delle premiazioni si è svolta una piccola cerimonia in ricordo di Nino Simoncini, che tanto ha fatto per l’introduzione della pétanque a Riparbella e di Stefano Dani, altro storico giocatore riparbellino, mancati nel corso di quest’anno.
In loro memoria sono state assegnate due targhe: una al giocatore più giovane (Rocca Lorenzo J. della Tittarocca, 17 anni) e una al giocatore più anziano (Bossi Romano, 86 anni, dell’ABG Genova), a dimostrazione di una disciplina che appassiona e abbraccia tutte le età. Numerosa anche la partecipazione femminile al torneo (7 le donne al via).
I club con il maggior numero di atleti al via sono stati i lombardi del JRC Ispria (Varese) e i laziali del Tittarocca (Frosinone).
Dalla Toscana presenti al torneo alcuni atleti dell’Affrico di Firenze e della Massese.
Per Pisa Bocce hanno partecipato:Carlo Lazzeroni, Paolo Duè, Anna Tamagni, Samuele Franchi, Italo Di Ruscio, Mario Gioli, G.B. Marranchelli, Antonio Del Carlo, Liborio Pittà, Armando Puzio, Marco Sensi, Mario di Ruscio, Pietro Marranchelli, Sandro Giannelli, Luca Giannelli.
Come gli anni scorsi, nello spirito che contraddiceva Giancarlo Vitali, l’Asd Pisa Bocce ha fatto una raccolta di soldi tra gli atleti e i presenti, che quest’anno è stata promossa per Genova, alle famiglie sfollate in seguito alla tragedia del ponte Morandi.
L’Associazione Pisa Bocce ringrazia l’Amministrazione Comunale di Riparbella, la Pro Loco e tutti i volontari che hanno reso possibile la bella riuscita della manifestazione.
By