Un eccellenza per l’agricoltura bio, made in Pisa il nuovo Bioexplosion

PISA – Potrebbe essere l’eccellenza dell’agricoltura nei prossimi anni Bioexplosion System prodotto della medesima azienda, che ha sede all’interno della Tenuta Isola a Migliarino Pisano, presentato alla stampa proprio all’interno del Parco Naturale di San Rossore.

di Antonio Tognoli 

Guarda il video della presentazione ufficiale

Guarda tutte le foto

Bioexplosion è una macchina innovativa nel campo dell’agricoltura e della parte di trasformazione dei rifiuti in organici. L’idea di realizzarla? I principali attori di questa realizzazione sono Tommaso Pardi, Luca Mori e Violante Mori, il cervello è Luca Mori come spiega Tommaso Pardi: “La sua costanza e la sua voglia che questo strumento nascessse ha fatto la differenza e noi siamo contenti di averlo immesso sul mercato“.

“La nuova macchina nasce dall’esigenza di risolvere il problema dei centri ippici – spiega Tommaso Pardi – le leggi sui rifiuti sono cambiate e il letame dei cavalli era diventato un “rifiuto speciale”, un problema per tutti e soprattutto per i centri ippici come la Tenuta Isola di Migliarino Pisano. Adesso con questo macchinario si trasforma in un opportunità perché diventa una risorsa agricola, un prodotto organico, una vera e propria filiera per fare esplodere il proprio orto e i propri prodotti agricoli. Il nome infatti non è stato creato per caso”.

Gli ideatori – spiega Tommaso – hanno studiato nei minimi dettagli la costruzione di questa macchina. Ogni giorno il letame dei cavalli viene inserito dentro il macchinario, i lombrichi inseriti nella loro temperatura ideale iniziano a mangiare, il prodotto viene tagliato dalle lame e quindi divisa la cosiddetta “parte buona”. L’ultima fase è quella dell’insacchettameto e quindi il passaggio alla filiera agricola con L”Homus di Lombrico” che conta in poco tempo già 220 punti vendita“.

La macchina è acquistabile anche in leasing grazie all’accordo tra l’azienda e Credit Agricole.Essendo un macchinario nuovo è stato difficile codificarlo – ha detto Francesco Brunetti, titolare dell’istituto bancario – ma adesso è disponibile sul mercato”.

Presente alla presentazione del prodotto anche il primo cittadino di Vecchiano Massimiliano Angori:Quando i titolari dell’azienda mi hanno presentato il prodotto sono rimasto un po’ così. Credo che questo macchinario – prosegue Angori – risolverà molti problemi legati all’ambiente e nello stesso tempo sara Un opportunità per molte persone. Ben vengono queste cose“.

Al termine della presentazione la consegna del primo macchinario con tanto di targa al Team Botti nelle mani di Giuseppe Botti. E ovviamente speriamo sia il primo di una lunga serie.

By