Un gol di Nicolas Izzillo affonda l’Arezzo: sarà finalissima con la Triestina

PISA – Con un gol di Nicolas Izzillo il Pisa batte l’Arezzo (1-0) e conquista la finalissima play-off di serie C che i nerazzurri giocheranno contro la Triestina. Andata 5 giugno all’Arena, ritorno a Trieste il 9 giugno. Ma non è stato affatto facile superare l’Arezzo e diciamolo un po’ di buona sorte e un grande Gori ci portano in finale, premio ad un grande pubblico che ha trascinato i propri beniamini alla vittoria.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Nelle file del Pisa torna dopo la squalifica Marin che torna a centrocampo. In contemporanea con il ritorno del mediano di Timisoara Alessandro De Vitis torna a far parte del pacchetto arretrato. Davanti a Gori ci sono Birindelli, De Vitis appunto, Benedetti e Lisi. A centrocampo spazio a Gucher, Marin e Di Quinzio. In attacco mister D’Angelo conferma il duo formato da Masucci e Marconi supportati da Mattia Minesso. Mister Dal Canto conferma gli stessi undici della gara di andata. Davanti a Pelagotti ci sono Pelagatti e Pinto, con Sala e Luciani impegnati sugli esterni. Serrotti, Foglia e Buglio formano il terzetto di centrocampo. In attacco il tecnico aretino da spazio al duo Cutolo-Brunori con Belloni a sostegno dei due attaccanti. Sugli spalti dell’Arena c’è un gran pubblico con 9.500 tifosi che hanno fatto registrare il giorno prima del match il tutto esaurito. Prevista come in occasione della gara di andata la diretta Rai a livello regionale.

IL PRIMO TEMPO. Coreografia da brivido nella Curva Nord Maurizio Alberti. Tante emozioni a cavallo del fischio iniziale. Nella prima frazione gara subito che inizia a grandi ritmi. Il Pisa parte per la verità un po’ contratto. Ci si ferma qualche minuto causa fumogeni che ostacolano la visibilità. L’Arezzo spaventa il Pisa con un sinistro di Brunori respinto da un Gori ancora una volta in versione super. Sugli spalti c’è un gran tifo. Il Sig. Ayroldi spezzetta molto il gioco. L’Arezzo ci prova ancora con un diagonale salvato in extremis dalla scivolata di Marin che questa volta salva anche Gori forse coperto al momento del tiro. Per i nerazzurri ci prova Di Quinzio dal limite con palla che termina alta sopra la traversa. L’ultimo tiro del primo tempo è di Sala per l’Arezzp ma la palla sfila sul fondo. Dopo due minuti di recupero Pisa e Arezzo si chiude la prima frazione sullo 0-0.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza nessun cambiamento da parte dei due tecnici. Il Pisa rischia però subito. Assolo di Cutolo che si porta la palla sul destro, il suo tiro è deviato e termina tra le gambe di Gori che nella circostanza è fortunato e blocca. Grande spavento però per tutti. Il Pisa risponde agli amaranto con un destro rasoterra di Marconi dal limite, bloccato da Pelagotti. E’ una fase molto equilibrata della partita, il Pisa sembra però migliore di quello visto nel primo tempo. Masucci imbecca Marconi che però è aldilà della linea del fuorigioco. La prima mossa della ripresa la fa mister Dal Canto: dentro Benucci e fuori Buglio. Il Pisa però ci prova con una sassata al volo di Gucher respinta dalla difesa amaranto. Il match non ha un attimo di tregua, anche se occasione se ne vedono poche. Gli amaranto guadagnano una fastidiosa punizione dal limite. Dai sedici metri va Cutolo, ma il suo sinistro viene respinto dalla barriera. Poi ci prova Serrotti, ma Gori è attento e blocca. Nel frattempo nel Pisa entrano Izzillo e Pesenti in luogo di Minesso e Marconi. Staffetta rispettata anche quella che vede l’ingresso di Moscardelli al posto di Masucci intorno alla mezzora. Standing ovation di tutto lo stadio. A meno di un quarto d’ora dalla fine mister Dal Canto toglie dal campo Cutolo e inserisce Butic. La squadra amaranto vuole provarci fino alla fine, ma è il Pisa ad avere una grande occasione. Gran giocata di Moscardelli che apre il gioco a sinistra per Di Quinzio, ma il suo destro a giro termina alto. La risposta dei ragazzi di Dal Canto non si fa attendere: cross da destra di Luciani per la testa di Brunori lasciato colpevolmente solo all’interno dell’area di rigore. La palla termina alta. Gli amaranto però mettono un po’ di pressione al Pisa. Ci prova proprio Luciani con il sinistro palla alta sopra la traversa. Ma al minuto 86 arriva la rete del vantaggio nerazzurro Moscardelli imbecca Izzillo che piazza nell’angolo la rete del vantaggio per la squadra di mister D’Angelo. È il gol numero quattromila nella storia del Pisa Sc dal 1912 ad oggi. L’Arezzo prova subito a pareggiarla con Serrotti, ma Gori è attento e blocca. L’estremo difensore nerazzurro si supera al minuto 92′ su colpo di testa ancora di Brunori. Sono cinque i minuti di recupero

PISA – AREZZO 1-0

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli (76′ Meroni)De Vitis, Benedetti, Lisi; Gucher, Marin, Di Quinzio; Minesso (70′ Izzillo); Masucci (73′ Moscardelli), Marconi (70′ Pesenti). A disp. D’Egidio, Liotti,Kucich, Brignani, Buschiazzo, Masi, Verna, Gamarra, Moscardelli. All. Luca D’Angelo

AREZZO (4-3-1-2): Pelagotti; Sala (86′ Rolando), Pelagatti, Pinto, Luciani; Serrotti, Foglia, Buglio (57′ Benucci); Belloni; Cutolo (76′ Butic), Brunori. A disp. Bertozzi, Zappella, Sereni, Zini, Abdallah, Persano, Burzigotti, Butic, Tassi, Borghini. All. Alessandro Dal Canto

ARBITRO: Giovanni Ayroldi della sezione di Molfetta. (Ass. Di Benedetto di Barletta e De Palma di Foggia)
Quarto uomo Alessandro Meleleo di Casarano

RETI: 86′ Izzillo

NOTE: serata calda, terreno in perfette condizioni, temperatura intorno ai 20 gradi. Ammoniti Foglia, Benedetti. Angoli 3-2 Rec pt 2′, st 5′. Spettatori 9.477 per un incasso di 141.408 euro.

By