Un treno ad alta velocità tra Pisa e Firenze

PISA – De Zordo: “Il Piano del Governo soddisfa i soliti appetiti, ma è un inutile spreco di denaro pubblico. Sì all’alta velocità ferroviaria tra Firenze e Pisa”

“Un collegamento ferroviario veloce tra Firenze e Pisa per dotare il capoluogo di un accesso rapido ed efficace ai voli nazionali e internazionali, per razionalizzare le infrastrutture esistenti e mettere fine a quell’assurda lotta campanilistica protagonista del dibattito pubblico sullo sviluppo aeroportuale toscano”. E’ la proposta Ornella De Zordo della lista di cittadinanza perUnaltracittà che boccia il nuovo Piano aeroportuale del governo e indica nei fondi sprecati per il sottoattraversamento ferroviario di Firenze ben più delle risorse necessarie per l’opera infrastrutturale. “Soprattutto alla luce dei nuovi piani di Ferrovie che pochi giorni fa hanno annunciato, per voce dell’Ad Mauro Moretti, che nel 2015 Roma e Milano saranno collegate in sole 2 ore e 20 minuti, nonostante che per quell’anno il tunnel fiorentino non sarà ancora pronto”, ha aggiunto De Zordo. “Lo spunto arriva- spiega De Zordo-, tra gli altri, dal commento al nuovo Piano aeroportuale di Alfredo Roma – membro dell’EuroUSC – European UAV Systems Centre Limited e dell’Advisory Council presso l’European Space Policy Institute (ESPI) -, uno dei massimi esperti internazionali di aviazione civile e di strategie di sviluppo aeroportuali. Non ha interessi diretti nella propaganda di sviluppo a tutti i costi dell’aeroporto fiorentino né è succube di interessi particolari e campanilistici. Le sue dichiarazioni sono perciò più interessanti dei tanti contributi interessati vergati, a Firenze e in Toscana, dai politici, dagli amministratori pubblici, dalle associazioni di categoria e dalle imprese.

IRREALISTICO L’AUMENTO DEI PASSEGGERI – Alfredo Roma smonta in primo luogo il teorema secondo il quale il traffico aereo aumenterà esponenzialmente. Definisce letteralmente “irrealistiche” le previsioni governative che affermano, senza basarsi su nessuno studio serio, che i passeggeri aumenteranno nei prossimi anni nel nostro Paese dagli attuali 150 milioni a ben 296 milioni. Con Peretola che triplica o addirittura quadruplica gli attuali viaggiatori.

LE MONTAGNE NON SI POSSONO SPOSTARE – Roma ricorda inoltre che niente può superare gli attuali “problemi orografici” dell’Amerigo Vespucci. L’aeroporto fiorentino è in un ‘cul de sac’ e a meno che non vengano rimosse le colline circostanti, ad iniziare da Monte Morello. Anche una pista più lunga non può che garantire una maggiore sicurezza per i veivoli piccoli che già oggi atterrano e, vista la particolare posizione, non superare il numero attuale dei voli.

PISA UNICO VERO AEROPORTO TOSCANO – L’ultimo passaggio Roma lo riserva alla vicinanza tra Pisa e Firenze. Definisce il Galileo Galilei “il vero aeroporto della Toscana” per la sua grandezza, per la possibilità di ospitare i grandi aerei intercontinentali, per la semplicità con cui può essere collegato, grazie all’alta velocità ferroviaria, alla stazione fiorentina di Santa Maria Novella.

UN PIANO UTILE AI SOLITI NOTI – Niente di nuovo sotto il sole dunque. Il nuovo Piano degli aeroporti nazionali di Mario Monti e Corrado Passera va contro il buon senso basato su quei fatti oggettivi e incontrovertibili che ogni fiorentino e toscano conosce da sempre. Ha un merito però il Piano governativo. Ha la capacità di soddisfare il palato dei soliti noti: politici dal breve cabotaggio, amministratori privi di prospettiva, capitalisti e costruttori incapaci di esserlo senza l’intervento pubblico, analisti non indipendenti.

LA PROPOSTA: FIRENZE-PISA AD ALTA VELOCITÀ perUnaltracittà crede che non sia civile e dignitoso per qualsiasi decisore pubblico approfittare dell’attuale crisi economica per barattare lo spread con la natura e il buon senso. Quello stesso buon senso che porterebbe amministratori capaci (a livello locale e nazionale) a stornare una minima parte dei fondi per l’assurdo, dannoso e inutile tunnel ferroviario di Firenze per la realizzazione nel tratto Firenze-Pisa di una davvero economica e non impattante “alta velocità””

You may also like

By