“Una vita da social”. In Piazza Vittorio Emanuele i rischi e le trappole di internet

PISA – Si chiama “Una vita da social” e toccherà oltre 30 città italiane con l’obbiettivo di rendere la rete più sicura per i giovani ed arginare i dilaganti fenomeni del cyber bullismo, adescamento e di altre forme di prevaricazione connesse con l’uso distorto delle nuove tecnologie”. Il 25 e il 28 gennaio prossimi in piazza Vittorio Emanuele II, in un truck multimediale, quello usato da Max Biaggi durante le sue gare, e allestito come un’aula didattica gli operatori della polizia di stato e delle aziende partner informeranno sull’uso corretto cdi internet.

Il truck sarà riservato al mattino del 25 agli alunni delle scuole e ai loro insegnanti, hanno aderito tutte le superiori e le scuole medie Fucini, Fibonacci e Toniolo, mentre nel pomeriggio sarà aperto a tutta la popolazione. “Fondamentale – ha affermato Stefania Pierazzi vice questore della Polizia Postale, esperta in materia – la collaborazione e la formazione della scuola e dei genitori.Dobbiamo preparare gli adulti a rapportarsi con i giovani nell’uso dei socialnetwork”.

Testimonial del progetto l’attore pisano Roberto Farnesi, noto al grande pubblico anche per l’interpretazione della serie televisiva Carabinieri. Hanno aderito all’iniziativa Facebook, Fatsweb, Google, Tre.it; Libero, Microsoft, Poste Italiane, Telecom, Norton by Symantec, Vodafone, Skuola.net, Virgilio, Wind, YouTube.

20140124-211406.jpg

By