Università, blitz degli studenti di “Sinistra Per”: “Non vogliamo imprenditori nelle scuole”

PISA – Blitz di una ventina di studenti aderenti all’organizzazione studentesca “Sinistra per”, nel corso della riunione del Senato accademico convocato per nominare due membri esterni nel consiglio di amministrazione d’ateneo.

 Gli studenti avevano chiesto il rinvio della decisione, ma al rifiuto del Senato sono entrati nella sala bloccando la seduta che è poi stata sospesa. “siamo perfettamente consapevoli – spiega una nota dell’organizzazione studentesca – che queste nomine sono previste dalla riforma Gelmini, ma crediamo sia importante lanciare un segnale forte a tutta la comunità accademica nazionale per denunciare ancora una volta questa situazione, imposta dalla legge ma non per questo meno grave, che non deve passare sotto silenzio”.

I candidati, proseguono gli studenti, sono stati selezionati attraverso un bando per titoli “cui si sono presentate dieci personalità legate per la maggior parte al mondo bancario e imprenditoriale, oltre ad altre con incarichi di nomina politica e quindi strettamente legati a determinati segmenti partitici” perciò “troviamo assai grave e imbarazzante per tutta la comunità accademica dover discutere di nomi di candidati che non hanno né competenze né vocazione a occuparsi di didattica e ricerca, ma che probabilmente si sono presentati per altri interessi particolari che niente hanno a che vedere con la missione e la storia dell’ateneo”.

By