Università, completato lo statuto. Riccardo Grasso nuovo direttore generale

PISA – L’Università di Pisa ha completato il percorso di attuazione del nuovo Statuto e dato avvio alla contabilità di tipo economico-patrimoniale.  Il dottor Riccardo Grasso è stato nominato nuovo direttore generale dell’Ateneo pisano, con un  incarico di due anni e mezzo.

Dopo la riorganizzazione delle strutture didattiche, scientifiche e di servizio e l’insediamento del Senato accademico e del Consiglio di amministrazione, nel mese di dicembre 2012 sono stati infatti nominati il direttore generale, i membri del Collegio dei revisori dei conti e quelli del Nucleo di valutazione, mentre il 1° gennaio 2013 è partito il nuovo sistema di contabilità legato al Bilancio unico di Ateneo.

 

La scheda di  Grasso. Nato a Catania nel 1956 e laureato in Giurisprudenza nell’Università della stessa città siciliana, il dottor Grasso ha ricoperto importanti incarichi alla Scuola Normale, fino a quello di vice direttore amministrativo, per poi continuare la sua carriera dirigenziale nell’Università di Pisa a partire dal 1998. Dall’aprile del 2003 è direttore amministrativo dell’Ateneo. Ricopre attualmente, tra gli altri incarichi, quello di amministratore delegato della casa editrice dell’Ateneo, la Pisa University Press, e quello di revisore dei conti all’Università di Firenze.

Sarà dunque Riccardo Grasso a interpretare la nuova figura del direttore generale, ricoprendo uno dei ruoli fondamentali nel modello di governance delineato dalla legge numero 240 del 2010 e ripreso dallo Statuto dell’Ateneo.

Questa figura è stata ridefinita rispetto a quella del precedente direttore amministrativo, sia per quanto riguarda le procedure di nomina che le funzioni. Sul primo aspetto, il direttore generale è nominato non più dal solo rettore, ma dal Consiglio di amministrazione, su proposta del rettore e sentito il parere del Senato accademico, che deve scegliere tra personalità di elevata qualificazione professionale e comprovata esperienza pluriennale con funzioni dirigenziali.

Sul secondo aspetto, il direttore generale è ora inserito tra gli Organi dell’Università e a lui è attribuita la gestione complessiva e l’organizzazione dei servizi, delle risorse strumentali e del personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo. Rispetto al passato, dunque, questa figura risponde in modo più efficace alla logica dell’autonomia dei poteri, che prevede la separazione tra indirizzo politico e responsabilità gestionale, e ha competenze più ampie, che si estendono al coordinamento delle attività gestionali dei dipartimenti attraverso un rapporto di collaborazione diretta con i direttori di queste strutture. Il direttore generale non è più membro di diritto del Consiglio di amministrazione e del Senato accademico, pur continuando a partecipare, senza diritto di voto, alle sedute dei due Organi di governo.

You may also like

By