Università, da domani si cambia con venti nuovi dipartimenti

PISA – Domani,  19 settembre, rimarrà una data storica per l’Università di Pisa perchè le undici facoltà e i quarantotto dipartimenti saranno sostituiti da venti grandi strutture dipartimentali.

Dette strutture accorperanno le competenze in materia di didattica e di ricerca, oltre a coordinare le attività rivolte verso l’esterno. “Questa è una stagione di rinnovamento – ha detto Augello –  che affrontiamo con la convinzione di aver posto le premesse per costruire un futuro all’altezza della tradizione e del presente del nostro Ateneo”.

Con l’attivazione dei nuovi dipartimenti si apre anche un periodo di transizione che prevede altri passaggi importanti, come l’adozione del bilancio unico d’Ateneo e della contabilità economico-patrimoniale, che Pisa metterà in atto prima di tutti gli altri mega atenei italiani.

“L’Università di Pisa non si è limitata a recepire quanto previsto dal dettato normativo, ma ha esercitato ogni possibile spazio di autonomia concesso dal testo – spiega Augello – Lo abbiamo fatto attraverso un percorso trasparente e partecipato, aperto e largamente condiviso, come per la questione dell’elettività dei membri del Consiglio di Amministrazione, aprendo un contenzioso con il Ministero”.

L’Ateneo sta procedendo anche per l’attivazione dei nuovi Organi di governo. La scorsa settimana si sono svolte le votazioni per il rinnovo del Senato Accademico che hanno visto l’elezione dei nuovi membri e pochi giorni fa sono state avviate le procedure per l’individuazione dei 5 componenti interni e dei due esterni del CdA.

You may also like

By