Valdera: domenica visite e merende in agriturismo con “Terranostra day”,

PISA – Agriturismi “aperti” per Terranostra Day. Tutto pronto, anche nella Valdera come nel resto della regione, per la nuova edizione della giornata regionale dedicata a turismo rurale e al vero Made in Tuscany promossa da Terranostra e Agriturismo di Campagna Amica che porterà centinaia di turisti ed appassionati alla scoperta degli oltre 150 agriturismi che hanno aderito. L’appuntamento è fissato per tutta la giornata di domenica 11 maggio. Tre le strutture (Podere Spazzavento a Ponsacco, Podere Chiasso Gherardo e Il Gattero a Peccioli) che parteciperanno proponendo ai visitatori di “passaggio” visite ed assaggi in frantoio, degustazioni, merende, escursioni, cucina tipica, dimostrazioni e corsi, picnic e molto altro. “Con Terranostra Day andiamo a prendere, quasi fino sotto casa, tutti coloro che desiderano conoscere la nostra offerta agrituristica, i nostri prodotti, la nostra storia. Anche se la Toscana è la regione con il più alto tasso di appeal rurale – spiega Alessandro Piceni Belli, Presidente Provinciale Terranostra – noi siamo convinti che rimane una priorità, soprattutto in tempi come quelli che stiamo vivendo, continuare ad investire sulla promozione e sull’arricchimento dei contenuti che devono essere sempre all’insegna del tuscany style ma anche più innovativi ed originali. Questa è un’azione destinata a produrre effetti nel lungo periodo”. Per famiglie e per coppie alla ricerca di momenti preziosi da vivere, nel verde, tra colline e boschi, per amanti del mangiare bene e del buon cibo, appassionati di scampagnate, cultori del km zero ed esploratori seriali, “Terranostra Day” è un modo originale, divertente, educativo, interattivo per vedere, assaporare, toccare con mano, provare e partecipare, da protagonista, ad un’esperienza che ha l’obiettivo di “portare” – letteralmente – il cittadino-consumatore fin dentro le aziende dove nascono con amore e passione, rispetto delle tradizioni e soprattutto della natura, i prodotti che compongono lo straordinario paniere del Made in Tuscany.  L’iniziativa non è solo orientata ai “turisti” domenicali della provincia, della Toscana e delle regioni limitrofe, soprattutto ai turisti del Nord. Bus gratuiti partiranno anche da Roma e da Bologna. La Valdera si è preparata a questo appuntamento organizzando anche un “percorso ideale” nella natura tra antichi casolari contornati da vigneti, oliveti e colline per cui è necessario prenotarsi. Le attività programmate nel percorso tra le colline pisane sono solo alcune delle di “iniziative” proposte dagli oltre 4mila agriturismi toscani che fanno della nostra regione il più grande parco esperienze all’aria aperta del pianeta. Ben 7 agriturismi su 10 affiancano al pernottamento, attività ricreative, ludico, didattico e culturali tra le più diverse ed originali. Intrattenimento e cultura, sport e natura, ristorazione tipica e benessere, fantasia e passione è dentro questi “spazi” che si muove la combinazione vincente dell’offerta agrituristica del territorio che fa leva sul patrimonio esperienziale di titolari ed addetti ai lavori. A fianco della buona cucina e del buon cibo preparato con prodotti del territorio e a km zero, gli imprenditori agrituristici hanno sviluppato una sempre più importante offerta “connessa” all’attività agricola che ha conosciuto un’espansione d’oro negli ultimi 10 anni. Prenotare la visita basta è semplicissimo: basta collegarsi al sito www.toscana.coldiretti.it, cliccare sull’apposita sezione “Terranostra Day” in alto, nel centro del portale, accedere alla sezione dedicata, visionare le destinazioni e successivamente selezionare l’azienda prescelta. Per prenotare la visita è sufficiente telefonare o inviare una mail. Le porte degli agriturismi sono pronte a “spalancarsi” per raccontare la più importante offerta mondiale di storia, tipicità e paesaggi.

TURISMO: + 2% PRESENZE ITALIANE IN ESTATE, CUCINA TIPICA SPINGE AGRITURISMO
Pasqua, Pasquetta, ponte del 25 aprile e del 1 Maggio si confermano periodo da “mordi e fuggi” ma gli agriturismi fanno registrare complessivamente un incoraggiante + 2,5% di fronte all’indice delle presenze. Incoraggianti anche le previsioni per l’estate ormai alle porte con un leggerissimo – ma positivo – incremento di turisti italiani, tra l’1% ed il 2%, e la sostanziale tenuta degli stranieri. A spingere toscani e turisti negli agriturismi della nostra regione è sempre più la ricerca della vera ristorazione tipica e la garanzia di trovarla. La Toscana è la “meta” preferita per la classica gita fuori porta in famiglia, in compagnia di amici o in coppia ma anche la meta perfetta per incontrare ed apprezzare la cucina tradizionale a base di specialità alimentari a cui la legge sugli agriturismi, approvata nel 2010, ha dato un grande impulso. La legge ha infatti da un lato vincolato l’utilizzo di ingredienti, prodotti tipici e del territorio nel menu, dall’altro caratterizzato, differenziato, valorizzato ed identificato chiaramente la “proposta” della ristorazione in agriturismo. Più di un agriturismo su quattro delle oltre 4mila strutture presenti in Toscana propongono la ristorazione, 577 la sola degustazione, 307 abbinano la degustazione al pernottamento mentre 457 uniscono le attività più diverse, dal trekking alla fattoria didattica, alla degustazione con vista su cantine e colline molto apprezzata dagli stranieri. A dirlo è Terranostra, l’associazione di promozione degli agriturismi di Coldiretti in base all’analisi dei dati Istat in vista della seconda edizione di Terranostra Day che porterà domenica 11 maggio nelle oltre 150 strutture che hanno aderito turisti ed appassionati da tutta Italia.

 

 

 

 

By