Variazione di bilancio 2017 del Comune di Pisa, la proposta della Giunta

PISA – Il Comune di Pisa si appresta a varare la variazione di bilancio 2017. La Giunta presenta la sua proposta che sarà discussa e votata in Consiglio Comunale. Come tutti gli anni, sia grazie alla stesura prudenziale del bilancio preventivo che viene fatta a dicembre 2016, sia grazie a economie di spesa e maggiori entrate, l’Amministrazione può gestire un avanzo per finanziare nuovi e importanti progetti.

La manovra è di 13 milioni di euro, resa possibile anche da un forte recupero dell’evasione (1,5 milioni di euro in più rispetto a quanto preventivato per un totale di 4 milioni di euro), dai fondi vincolati (4,5 milioni di euro da sanzioni del codice della strada accertate a dicembre e non messe a preventivo e tassa di scopo), fondi destinati agli investimenti (7,5 milioni di euro da economie di spesa, ribassi d’asta, maggiori oneri di urbanizzazione). Mentre le minori entrate dal taglio del fondo di solidarietà (490mila euro) e da un minor gettito Imu accertato (640mila euro), sono compensate da un aumento delle entrate per i dividendi societari (Toscana Aeroporti e Toscana Energia), da maggiori gettiti Tasi e da altri trasferimenti ed entrate

Come ha deciso il Comune di investire queste risorse? Innanzitutto sono state divise tra spesa corrente (1,4 milioni) e investimenti. 300mila euro sono destinate all’ulteriore potenziamento delle azioni per il recupero dell’evasione che ha fruttato negli ultimi due anni 11 milioni di euro. Le risorse correnti saranno impiegate per la sicurezza degli edifici scolastici (incarichi finalizzati alla valutazione sismica e al rilascio dei certificati di prevenzione incendi per 250mila euro) e per la progettazione esecutiva del bando “periferie degradate” per la riqualificazione dei quartieri stazione e San Marco-San Giusto (450mila euro), e poi sociale (165mila euro), cultura ed eventi (148mila euro), turismo e promozione (60mila euro), trasporto pubblico locale (80mila euro), 100mila euro per urbanizzazioni secondarie per edifici di culto e centri sociali (da assegnare tramite bando), e poi altre spese correnti (120mila euro) e il resto accantonato nel fondo di riserva (187mila euro).

Gli investimenti interessano vari aspetti, a partire dal progetto Piu di riqualificazione dei Passi, al rifinanziamento del sottopasso di Putignano (2,4 milioni di euro). Si parla di progetti e fondi aggiuntivi rispetto a quelli già finanziati con il bilancio di previsione 2016. Piazze e verde nei quartieri, recupero degli alloggi di resulta (100mila euro), riqualificazioni degli edifici scolastici (900mila euro di cui 400mila per le Damiano Chiesa), manutenzioni stradali (3,1 milioni di euro), segnaletica stradale (350mila euro), riqualificazione di piazza delle Vettovaglie (cofinanziamento di 200mila euro più 400mila dalla Fondazione Pisa), riqualificazione delle Antiche Mura nei tratti del Giardino Scotto e della Cittadella (160mila euro di confinanziamento, con 370mila euro dalla Fondazione Pisa), e altri tratti (1,1 milione di euro di cui 500mila dalla Fondazione Pisa). Molti anche gli interventi per lo sport: 380mila euro per riqualificare la pista di atletica, 50mila euro per lavori di manutenzione al Palazzetto e 50mila euro per la piscina comunale, più altri 238mila euro per interventi su vari impianti cittadini.

100mila euro per fontanelli di acqua ad alta qualità, 200mila euro per gli interventi sul verde nel bilancio partecipato, riqualificazione di Largo Petrarca (200mila euro), rotatoria tra via Emilia e via Bellatalla (220mila euro di cui 55mila dal Comune), Cittadella Galileiana (2,3 milioni di euro di cui 1,9 dalla Regione). 100mila euro per la Stazione Marconi che serviranno a fare i primi interventi in attesa dell’iter che porterà al Museo della Radio. 270mila euro per la manutenzione del ponte Solferino, parco accessibile a San Zeno (231mila euro di cui 115mila dalla Regione), 100mila euro per via Finlandia (50mila dalla Regione), 368mila euro per la rotatoria sull’Aurelia, 200mila euro per illuminazione pubblica, 100mila euro per la videosorveglianza, 320mila euro per la riqualificazione dei cimiteri, 350mila euro per il canale dei Navicelli (risorse della Regione).

By