Verna – Lupoli, il Pisa fa subito il pieno davanti ai settemila dell’Arena

PISA – Con un gol per tempo il Pisa supera il primo ostacolo della stagione, il Prato. Le reti di Verna e Lupoli danno i primi tre punti a mister Gattuso che può così continuare a lavorare con serenità.

image

La squadra adesso può solo crescere. Nessuno ha la bacchetta magica, in dodici giorni di lavoro di più non si poteva pretendere, ma il Pisa contro il Prato (che si è svegliato tardi) qualcosa si buono ha già fatto intravedere.

PREWIEV. Gattuso deve rinunciare inizialmente a Fautario squalificato, Golubovic impegnati con la Serbia Under 21 e a Varela fermo ai box. Il tecnico nerazzurro lascia inizialmente in panchina Mannini e Lupoli. Nel 4-3-3 iniziale dunque davanti a. Bacci spazio alla coppia centrale Rozzio-Polverini con Dicuonzo e Forgacs (rientrato poche ore fa dall’impegno con la nazionale Under 21 ungherese) esterni difensivi. Chiavi del centrocampo affidati all’ex Entella Francesco Di Tacchio con la conferma di Verna sull’out destro. A destra Ricci e’ preferito a Mannini. Il tridente d’attacco e’ formato dalla boa centrale con Peralta a destra e Starita a sinistra. La scelta di mister De Petrillo è caduta su Rossi preferito a Pardini tra i pali. Il giovane Capello proveniente dal Cagliari. Il mister pisano schiererà un 4-3-1-2. Difesa esperta con i punti cardine Ghidotti e Ghinassi. A centrocampo De Petrillo può contare sull’esperienza del capitano Sergio Cavagna, alla quarta stagione nelle file dei lanieri e sull’estro dell’ex Tuttocuoio Serrotti. Davanti spazio al duo formato all’ex Viareggio Benedetti e al giovane Scuola Inter Kouame.

IL PRIMO TEMPO. Anche all’Arena, come in tutti i campi di Lega Pro, prima del match viene osservato un minuto di raccoglimento in memoria del piccolo Aylan, ritrovato senza vita sulla spiaggia di Bodrum in Turchia nel tentativo di raggiungere l’Europa insieme alla famiglia. Pisa in completo nerazzurro, Prato in completo bianco da trasferta. Il Pisa prova subito ad impensierire il Prato, che soffre sia fai primi minuti la velocità di Starita sul settore sinistro del campo, che al 3′ costringe al fallo ben due giocatori lanieri. Al 9′ da un retro passaggio all’indietro di Ghinassi, Rossi è costretto, a scaraventare il pallone in fallo laterale evitando l’intervento di Cani che si era gettato sulla sfera come un falco. Al 13′ è il Prato però a farsi pericoloso. Di Tacchio perde una brutta palla nella propria tre quarti favorendo l’affondo di Gabbianelli che pesca in verticale Kouame che con il destro per fortuna del Pisa calcia sull’esterno della rete. Dopo i primi minuti passati nella propria tre quarti il Prato si affaccia dalle parti di Bassi con un timido tentativo di Gabbianelli e una conclusione di Serrotti. Il primo ammonito dell’incontro è Forgacs. La gara non è bella, la squadra di De Petrillo è ben messa in campo e chiude tutti gli spazi e per i nerazzurri non è facile passare. Al 36′ però la squadra di Gattuso trova il pertugio giusto. Cross dalla sinistra di Forgacs che trova al centro dell’area Verna che di piatto appoggia in rete: 1-0. L’Arena esplode. Il Pisa è in vantaggio. I nerazzurri sulle ali dell’entusiasmo si gettano in avanti, anche spinti dal pubblico dell’Arena. Il primo tempo si chiude con il Pisa in vantaggio senza nessun recupero.

IL SECONDO TEMPO. Il Pisa inizia la ripresa senza nessun cambio rispetto agli undici che hanno iniziato il match. È il Prato che nei primi minuti del secondo tempi sembra più reattivo. Mister De Petrillo al 7′ richiama in panchina Benedetti e inserisce il giovane talento del Cagliari Capello. Al 9′ per il Pisa ci prova Cani dal limite ma il suo tentativo si perde alto sopra la traversa. Al quarto d’ora primo cambio anche nel Pisa: dentro il nuovo acquisto Lupoli, fuori un applauditissimo Peralta. Pochi istanti dopo proprio l’ex attaccante del Frosinone pesca in verticale, Starita che pero’ viene fermato sul filo del fuorigioco. Ci mette però solo sei minuti dal suo ingresso, Arturo Lupoli, a realizzare la sua prima rete con la maglia del Pisa. Il solito Starita si guadagna un angolo che Ricci va a calciare il suo Cross arriva sul secondo palo dove il numero ventuno di Gattuso deve solo appoggiare in rete: 2-0. Adesso è davvero dura per il Prato. Mister Gattuso approfitta del doppio vantaggio per richiamare in panchina Di Tacchio, parso ancora lontano dalla forma migliore e inserendo Sanseverino e poco dopo la mezz’ora richiama anche l’attaccante albanese Cani a favore di Daniele Mannini che viene schierato nella rosa dei tre attaccanti formata dal Lupoli boa centrale e Starita a sinistra. Ma a nove minuti dal termine quando la partita sembrava ampiamente chiusa il Prato accorcia le distanze: Cross dal settore sinistro del campo addomesticato dal nuovo entrato Gomes Da Pina che appoggia all’indietro per il giovane Capello che con il piattone mira l’angolino alla sinistra di Bacci che nulla può: 2-1. La rete dei lanieri gela un po’ l’Arena e i tifosi nerazzurri che non hanno mai smesso di incitare la squadra di Gattuso, ma il Pisa pur soffrendo porta a casa i primi tre punti stagionali.

You may also like

By