Verso Carrarese-Pisa, Luca Belcastro: “Sarà una battaglia. Del Pisa temiamo i singoli”

PISA – In vista della sfida tra Carrarese e Pisa in programma domenica prossima, orer 14.30 , allo stadio “Dei Marmi” abbiamo voluto sentire il parere di un giocatore rappresentativo della formazione apuana, Luca Belcastro.

Luca Belcastro è nato il 23 aprile 1991 a Locri (Reggio Calabria), la stessa citta’ che ha dato i natali al nostro capitano Ciccio Favasuli; Nella sua scheda calcistica Belcastro viene definito attaccante, ma in realta’ lui si definisce una mezzala offensiva ed e’ in tale ruolo che lui gioca tutt’ora a Carrara, dove,proveniente dalle giovanili della Juventus, sta militando da due anni, collezionando 21 presenze ed un gol nel campionato di C/1 2011/2012 e giocando in questo campionato finora 17 partite segnando 6 reti.

Luca Belcastro con la maglia della primavera bianconera

Allora Luca domenica allo stadio dei Marmi affrontate il Pisa. Con quale spirito?

“Sicuramente per noi sara’ una partita importante, una “battaglia” nella quale cercheremo di lottare su ogni pallone per portare a casa i 3 punti che per noi sarebbero molto importanti per abbandonare quell’ultimo posto in classifica che non ci meritiamo assolutamente, sia come organico e valori e sia per l’impegno che mettiamo tutta la settimana negli allenamenti”.

Venite da una sconfitta di misura su rigore a Benevento. Cosa e’ che fino ad ora non ha funzionato nella mancanza di risultati?

“Sono 3/4 partite nelle quali non meritavamo assolutamente di perdere, pero’ non siamo riusciti a fare punti. A livello di gioco la squadra ha funzionato, ma non siamo riusciti a buttarla dentro, ma anzi il gol l’abbiamo preso. Forse ci voleva piu attenzione sia in difesa, sia da parte di tutta la squadra nel suo complesso”.

Invece il Pisa viene dalla sconfitta interna col Perugia e verra’ a Carrara a cercare riscatto: cosa temete degli uomini di Mister Pane?

“Temiamo l’ottimo organico che ha, oltre a giocatori esperti come Favasuli, Mingazzini,Perez e Busce’, che sono da categoria superiore e possono fare la differenza, ma ripeto dovremo fare attenzione al complesso e coprire ogni minimo loro spazio attaccandoli subito”.

Dall’anagrafe vedo che sei nato a Locri come il nostro capitano Ciccio Favasuli…..

“Di persona non lo conosco, sono nato a Locri, come lui perche’ li’ c’e’ l’ospedale di zona, ma in realta’ il mio paese e’ Siderno che dista 10 km. da Africo che è il paese di Favasuli”.

Poi chi conosci del Pisa?

“Daniele Pedrelli con cui son legato da un bel rapporto di amicizia, uscivamo sempre insieme, inoltre mi piace come giocatore, ha caratteristiche di propensione offensiva e si spinge avanti, un ottimo acquisto per il Pisa”.

E tu che caratteristiche hai come giocatore?

“Sono una mezzala offensiva, molto duttile. Mi definiscono attaccante perche’ posso occupare varie posizioni e sto dietro a Makywa, infatti sto proprio giocando in quella posizione”.

La Carrarese che modulo di gioco adotta?

“Di solito il 4-4-1-1 pero’ poi a seconda dell’avversario che abbiamo di fronte il Mister puo’ decidere di cambiare a partita in corso”.

Sei molto giovane: come immagini il tuo futuro calcistico?

“Sono cresciuto nelle giovanili della Juventus dove sono stato 6 anni. Sono juventino e sogno di tornare la’ e di recitare un ruolo da protagonista nella prima squadra bianconera, con l’impegno potro’ senz’altro puntare ad arrivare in alto per cercare di ottenere i migliori successi”.

Parlaci di Carrara: come ti trovi?

“Carrara è una citta’ tranquilla, dove si vive bene ed è una bella piazza dal punto di vista calcistico, dove grazie a Buffon Presidente, siamo molto seguiti anche a livello nazionale. Riguardo a me lo scorso anno ho giocato 21 partite e segnato una rete ma è un anno che mi e’ servito per ambientarmi nel calcio di lega Pro, mentre quest’anno ho giocato di piu segnando 6 reti delle quali una in Coppa Italia e ci tengo a sottolineare che la Carrarese ha creduto in me e mi sta rilanciando”.

Cosa sai di Pisa come piazza?

“Premetto che non conosco la societa’ attuale, pero’ so che e’ una grande piazza, con un glorioso passato e che vuole giustamente ritornare a quei livelli anche perche’ lo merita la tifoseria pisana che ha molto seguito ed entusiasmo”.

Quali fattori saranno decisivi in questo derby fra Carrarese e Pisa?

“Tutte e due le squadre vorranno rifarsi delle sconfitte subite con Benevento e Perugia e quindi ad entrambe non manchera’ la voglia di vincere. A mio avviso saranno gli episodi a far la differenza e noi cercheremo di portarli a nostro vantaggio”.

Fai un commento su questo girone B di Lega Pro…

“Vedo favorito il Latina, oltre che per la posizione di classifica anche per il gioco che fa, poi c’è la Nocerina che non è da meno e lo sta dimostrando. Riguardo alla Carrarese, faremo di tutto per non restare ultimi e di puntare in primis a disputare i playout, o ad raggiungere la salvezza diretta perche’ ce la meritiamo”.

By