Verso le elezioni. Filippeschi dai “Riformisti”: “Ci vuole l’ottimismo della volontà”

PISA – Continua il giro di consultazioni del centrosinistra in vista delle prossime elezioni comunali. Il Sindaco Marco Filippeschi ha fatto visita ieri sera ai “Riformisti Per Pisa”, cha appoggerà la sua coalizione

“Sono sicuro che i Riformisti Per Pisa faranno molto bene, perchè chi semina bene alla fine raccoglie altrettanto bene. E in questa lista mi sembra si sia lavorato bene. Il primo cittadino della nostra città ha poi snocciolato uno ad uno i risultati del suo mandato e il progresso della nostra città nei confronti sdi altre piazze.

Da sinistra Rolando Vivaldi, Giuliano Bani e Marco Filippeschi (Foto Francesca Cetera)

ll cambiamento. “La città sta cambiando volto – esordisce il Sindaco – sin questi anni abbiamo realizzato molti progetti e ne sono in cantiere molti altri. Tutti possono vedere che Pisa è un cantiere aperto e si sta evolvendo. Siamo riusciti a chiudere diversi progetti senza buttare via un euro. Tutti ci stimano e i fondi Piuss lo stanno li a dimostrare. Siamo riusciti a bonificare l’area dove è sorto il porto di marina e riqualificato la zona di Porta a Mare. Pisa è un gioiello di città che non deve prendere lezioni da nessuno, ma deve al contrario darle agli altri”.

Il numeroso pubblico nella sala conferenze della sede del PSI (Foro Francesca Cetera)

Lavoro. “Il momento non è buono. Siamo arrivati nel 2008 in Comune e la crisi stava iniziando adesso è all’apice. In questi momenti è necessario avere l’ottimismo della volontà. Pisa comunque uno degli aeroporti più transitati con oltre 4 milioni di passeggeri al giorno, 2400 persone che ci lavorano tra compagnie, negozi e vari servizi più l’indotto che c’è intorno. Dopo la Piaggio l’Aeroporto è l’azienda locale che dà più lavoro”.

Il Sindaco Marco Filippeschi (Foto Francesca Cetera)

Il futuro. “Con l’avvento di Ikea ci saranno nuove opportunità di lavoro. Sull’avvento del colosso svedese abbiamo avuto coraggio. Sarà un servizio in più per Pisa e per la Toscana. Offrirà 250 posti di lavoro subito e 300 a pieno regime più 60 di indotto, oltre ad essere logisticamente vicina all’aeroporto e a riqualificare ancora di più la zona di Porta a Mare. Il futuro di Pisa non sarà solo Ikea. Dovreno incremenatre anche il turismo e far si che sia un turismo meno mordi e fuggi di come lo è stato fino ad ora. Il People Mover, il raddoppio delle aree verdi in città, il passaggio pedonale da Piazza Cavalieri a Piazza dei Miracoli sarà uno dei prossimi progetti che saranno realizzati”.

Stoccata agli avversari. “Non vedo progetti simili ai nostri da parte degli altri partiti con cui ci andremo a confrontare in questa tornata elettorale. Rifondazione Comunista e Movimento a 5 Stelle da una parte e Noi Adesso Pisa e la destra dall’altra non sono in grado di proporre un progetto come il nostro. La città si è lasciata alle spalle i “no”. Questa mi sembra la loro unica politica. La città vuole un cambiamento e vuole evolversi”.

You may also like

By