Verso le Repubbliche Marinare. Presentato il Galeone di Pisa

PISA – Si disputa domenica 3 giugno a Genova la 63esima edizione della Regata delle Antiche Repubbliche Marinare. L’equipaggio di casa, Genova, detentore del titolo, sfiderà Pisa (che l’anno scorso arrivò seconda), Amalfi e Venezia.

di Giovanni Manenti

La regata sarà visibile in diretta dalle 18.05 su Rai2. Come ogni anno, prima della regata (alla 17), ci sarà la gara dei gozzi che servirà a stabilire l’ordine con cui gli equipaggi dei galeoni potranno scegliere la corsia del campo di gara. Alle ore 18.30 si terrà la sfida vera e propria tra i galeoni. Le imbarcazioni sono in vetro resina, ospitano otto vogatori con timoniere, e sono uguali per sagomatura, struttura degli scafi, timoni e sovrastrutture: hanno sedili fissi, misurano circa 12 metri e il loro peso minimo è di 760 chilogrammi. La sfida è preceduta da un bellissimocorteo con 320 figuranti, 80 per ogni Repubblica, che si svolgerà sabato 2 giugno dalle 20.30, seguito dai fuochi d’artificio.

“Rispetto al passato è stato deciso di fare il corteo il sabato sera – annuncia Federico Eligi assessore alle manifestazioni storiche – in quanto Genova ha cambiato la propria impostazione di gara, con il campo di gara a Pra già oggetto di manifestazioni a livello internazionale, così da spostare al giorno precedente il corteo che si svolgerà alle ore 21,00 dopo l’avvenuta presentazione degli equipaggi. Il giorno dopo – prosegue Eligi – una selezione dei figuranti in costume sarà comunque presente sul campo di gara anche per le esigenze televisive, con l’equipaggio che partirà per Genova giovedì mattina per poter svolgere alcuni allenamenti sul campo di gara, con una formazione nuova e più giovane rispetto alle precedenti che sono giunte alla conclusione di un ciclo e che, per le edizioni future, sarà completamente staccata dagli altri equipaggi che concorrono al Palio di San Ranieri, potendo allenarsi durante tutta la stagione”, conclude l’assessore alle manifestazioni storiche

“Quest’anno abbiamo un equipaggio nuovo – afferma Marco Dini – con un’età media nettamente abbassata, considerato che il più esperto ha solo 23 anni, con un armo fatto per la quasi totalità da vogatori pisani e che ha chiaramente bisogno di tempo ed allenamenti per poter emergere, soprattutto nei confronti di Repubbliche che possono contare su bacini di approvigionamento ben superiori al nostro, ed il nuovo campo di gara, rispetto agli anni precedenti, allorché la sfida si svolgeva in mare con arrivo al Porto di Genova, si presenta più lineare, in quanto il percorso è interamente in linea retta in una realtà dove molto spesso avere Campioni in squadra non è sufficiente a garantire la vittoria, ragion per cui garantiamo di dare il massimo impegno pur consapevoli della nostra inferiorità non tanto per i componenti dell’equipaggio, ma per la diversa importanza che al canottaggio ed alle specialità rematorie viene data nelle nostre città rivali”.

L’equipaggio pisano è composto daGianluca Santi, Fabio Marsigli, Jacopo Mancini, Giacomo Bertocci, Michele Michelotti, Dino Pari, Mirko Fabozzi, Emanuele Giarri, Michele Orsitto, Saggese Don Vito, Tommaso De Lucchese, Alessio Lorenzini, Davide Del Carratore, Riccardo Pellegrini (timoniere). Allenatore: Pierpaolo Dini Allenatore-Direttore Tecnico: Marco Dini. Nostromo: Mario Viviani. Dirigente-logistica: Primo Cini

L’albo d’oro: Venezia ha vinto 33 volte, Amalfi 11, Genova 9, Pisa 8

La storia della Regata. L’idea della regata fu lanciata dal Cavalier Mirro Chiaverini a Pisa alla fine degli anni ‘40 e trovò subito terreno fertile nei più importanti ambienti cittadini. L’ente municipale per il turismo la fece sua e la presentò alle municipalità delle altre città perché vi aderissero. Il prologo della regata e corteo Storico avvenne a Genova nel giugno 1955: la manifestazione remiera fu organizzata su gozzi genovesi (4 vogatori e 1 timoniere). L’esito della gara vide prima Genova, seconda Venezia, terza Pisa, quarta Amalfi. Fu la prova generale, l’atto costitutivo venne firmato ad Amalfi il 10 dicembre 1955. Le barche, ad otto vogatori e timoniere, furono commissionate alla Cooperativa Gondolieri di Venezia che le costruì presso un proprio “squeo” in san Marco. La prima edizione della regata si svolse a Pisa il 1° luglio 1956, nella cornice dei Lungarni stupendamente gremiti di gente tra cui moltissimi turisti italiani e stranieri. Da allora ogni anno la manifestazione si è ripetuta a turno sul mare di Amalfi e Genova, sul Lungarno di Pisa e sulla Laguna di Venezia. Nel 1961 si svolse un’edizione straordinaria, sulle acque del Po a Torino, in occasione del centenario dell’Unità d’Italia. Nel 1983, invece, la competizione ha raggiunto livelli europei con la “Regata sul Tamigi” che ha visto quattro equipaggi londinesi a confronto con quelli delle antiche repubbliche marinare italiane, mentre nel settembre 1999 si è svolta a Montecarlo una regata straordinaria nell’ambito dei festeggiamenti per il giubileo del principe Ranieri III di Monaco. Inoltre il corteo storico, che rievoca i fasti di Amalfi, Genova, Pisa e Venezia, ha sfilato per le strade di New York, Berlino e di altre città nel mondo

By