Verso Pisa-Ternana: se non è uno spareggio questo…

PISA – La gara di sabato prossimo rappresenta uno snodo fondamentale della stagione dei nerazzurri: vincere sarebbe importantissimo.

Siamo solo a metà della stagione, è vero, ma se ci arrischiamo a definire Pisa-Ternana uno spareggio, non crediamo affatto di esagerare. A dirlo non siamo noi, ma la classifica: il Pisa, con i suoi 21 punti in graduatoria, precede la Ternana di una sola lunghezza. Vincere sarebbe fondamentale sia per distanziare gli umbri (penultimi), ma anche per cercare di rosicchiare qualcosa all’Avellino (con il quale i nerazzurri condividono il terzultimo posto e che giocherà a Brescia), Cesena (18° con 22 punti e che lunedì sarà protagonista del posticipo di Perugia) e, chissà, magari anche al Latina (17° in graduatoria con 23 punti che giocherà in casa ma contro la capolista Verona). Insomma, sulla carta è un turno assolutamente da sfruttare per i ragazzi di Gattuso, che per altro quando giocano davanti al proprio pubblico trovano sempre risorse supplementari (più del 70% dei loro punti in classifica i nerazzurri li hanno collezionati in casa). Più o meno la stessa statistica della Ternana (70% dei punti conquistati tra le mura amiche del Liberati) solo che in questo caso sono gli umbri a giocare in trasferta. Mister Gattuso spera che la sosta abbia rivitalizzato un attacco asfittico (solo 7 le reti segnate finora, 6 meno del Trapani ultimo) e che non abbia scalfito la solidità di una difesa impermeabile (dodici le reti incassate, due meno del Benevento quarto che vanta la seconda miglior retroguardia). Dati curiosi, perché il Pisa può vantare sia la miglior difesa, sia il peggior attacco della B. Insomma, se fossimo scommettitori propenderemmo per l’1 risultato finale e l’Under 2,5 (meno di tre gol segnati nella partita), opzione a cui il Pisa è praticamente abbonato. Per tutti i dettagli sulla prossima giornata di Serie B e i pronostici, potete consultare www.sportytrader.it. Per raggiungere l’obiettivo mister Gattuso potrà contare anche sull’aiuto dei nuovi arrivati, Angiulli, Manaj  e  Landre, che daranno una grossa mano da qui fino a giugno (almeno questo è quello che ci si augura). “Carpe Diem” Pisa, dicevamo, anche perché nel prossimo turno si andrà a Novara e i piemontesi al Piola hanno fatto risultato 9 volte su 11, con ben 7 vittorie a referto. In ogni caso, da qui in avanti, saranno davvero tutte finali per i ragazzi di Gattuso. E non è un luogo comune, perché – anche questa volta – a dirlo è la classifica…

By