Verso Ponsacco – Massese. Colombini: “Siamo partiti con il piede giusto, ma dobbiamo continuare così”

PONSACCO – “Peccato per il passo falso con la Pianese ma nove punti in quattro partite sono un ottimo bottino: abbiamo cominciato con il piede giusto ma la strada per arrivare fino in fondo è lunga e gli ostacoli sono sempre dietro l’angolo”. Vietato distrarsi insomma per Francesco Colombini, punto di forza della retroguardia dell’Fc Ponsacco 1920.

“Questo è un campionato equilibratissimo e ogni gara ha un coefficiente di difficoltà molto alto – spiega -: la Massese è un cantiere aperto? E’ vero perché sono partiti un po’ in ritardo e ancora stanno cercando qualche tassello per rinforzarsi. Ma non credo proprio che verranno qui a Ponsacco a fare le vittime sacrificali: comunque hanno già dimostrato di essere una buona squadra e sono sicuro che se la lotteranno su ogni pallone, facendo di tutto per portare a casa un risultato positivo”.

Anche domenica contro i bianconeri apuani non ci sarà Gregorio Mazzanti, alle prese con una fascite plantare che lo ha costretto infermeria anche la settimana scorsa a Scandicci: “E’ un’assenza pesante visto che stiamo parlando di quello che, almeno a mio parere, è il difensore più forte della serie D e sarebbe da ipocriti negarlo – riconosce Colombini -. Ma una squadra ambiziosa come la nostra deve essere in grado anche di sopperire a qualche incidente di percorso: ci siamo riusciti bene una settimana fa a Scandicci e dovremo riuscirci anche con la Massese e fino a quando Gregorio non si sarà completamente ristabilito”.

In difesa, comunque, le cose funzionano: “Facendo tutti gli scongiuri del caso, per ora le cose stanno andando abbastanza bene – ammette il difensore -: abbiamo solo subito solo due reti in quattro gare ed entrambe su calcio di rigore. Su azione, per ora, non abbiamo ancora preso gol anche se abbiamo già dovuto fare i conti con qualche defezione: io ho saltato una partita e Mazzanti una e mezzo. Quando il rendimento rimane buono a prescindere da chi va in campo significa che nella fase difensiva è tutta la squadra a far bene e il merito è soprattutto di mister Maneschi, un allenatore che conosce questa categoria come le sue tasche e che per noi può essere davvero il valore aggiunto”.

Il sogno di Colombini, 77 partite in Lega Pro con le maglie di Tuttocuoio e Pistoiese, è lo stesso della tifoseria rossoblù: “Qu a vogliamo tutti la stessa cosa: io mi considero già fortunato ad aver disputato qualche stagione fra i professionisti, ma mi piacerebbe tantissimo tornarci al più presto. Abbiamo una grande occasione perché ci sono tutti gli ingredienti per fare bene, ma per avere qualche chance di riuscirvi è bene rimanere concentrati su noi stessi e ascoltare poco i tanti che ci indicano come favoriti: spesso la fanno per distogliere l’attenzione da loro stessi”.

Loading Facebook Comments ...
By