Via di Pratale: Muore cadendo da un’impalcatura

PISA – Un urlo, poi il silenzio. Un abitante del civico 36 di Via di Pratale è morto alle ore 8:00 di questa mattina cadendo da una impalcatura, poco fuori del sesto piano, adibita ai lavori di ristrutturazione del condominio.

LA TESTIMONIANZA – I testimoni, gli stessi della ditta di costruzioni, avevano appena finito di prepararsi e stavano iniziando i lavori, quando vedono una scena che fa gelare il sangue. A riferire i fatti è un operaio, che è rimasto volutamente anonimo: “Mi ero appena messo il caschetto, ho alzato gli occhi e visto l’uomo arrampicarsi dal proprio balcone all’impalcatura. Stava quasi per lasciarsi andare, quando ha cercato di rientrare. Non ce l’ha fatta ed è caduto di sotto. Ho sentito un urlo disumano e poi il corpo riverso a terra. Non avevo mai visto un uomo morire. Sono sconvolto.” 

PRIMI SOCCORSI – L’ambulanza è arrivata sul posto rapidamente, solo 10 minuti dopo la caduta. Gli operatori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Precedentemente gli stessi operai avevano apposto un panno bianco sul corpo dell’uomo. L’identità dell’uomo, di 65 anni, non è stata resa nota.

L’arrivo delle Forze dell’ordine. (Foto Michele Bufalino – Pisanews).

FORZE DELL’ORDINE – La polizia è entrata nell’appartamento, ma per adesso non sono ancora chiari i motivi di tale gesto. Con molta probabilità verrà chiuso il cantiere e sospesi i lavori, che si protraevano già da tutta l’estate.

MAGISTRATOIl corpo è stato portato via alle ore 10 in punto dalla Pubblica Assistenza, dopo l’arrivo del magistrato, che ha effettuato i dovuti rilievi.

VIA DI PRATALE – Curiosamente non è la prima volta che in questo condominio di Via di Pratale accadono cose ai limiti della normalità. Pochi mesi fa vi raccontavamo di un cesto di rifiuti fatto bruciare nel parcheggio dello stesso condominio.

L’uomo è caduto dal sesto piano (Foto Michele Bufalino – Pisanews).

(Tutte le foto sono a copyright Pisanews, scattate da Michele Bufalino. Tutti i diritti riservati. Pubblicazione con l’autorizzazione della squadra mobile della Polizia.)

You may also like

By