Il vicesindaco Raffaella Bonsangue al seminario della Scuola Sant’Anna

PISA – “Le società a partecipazione pubblica dopo il D.Lgs. 175/2016” è il titolo del seminario, organizzato dall’Istituto Dirpolis della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che si è tenuto mercoledì 11 luglio.

Durante il seminario è stato presentato il volume “Manuale delle società a partecipazione pubblica” (Neldiritto Editore, 2018) alla presenza dei coautori Niccolò Abriani, docente di diritto commerciale all’Università di Firenze, e Alfredo De Girolamo, presidente Confservizi Cispel Toscana.

I lavori sono stati introdotti e coordinati da Paolo Carrozza, docente di diritto costituzionale della Scuola Superiore Sant’Anna, alla presenza del consigliere Alfredo Atzeni, presidente TAR della Toscana, di Massimiliano Atelli, consigliere dei Corte dei Conti Toscana, e di Pasqualino Albi, docente di diritto del lavoro all’Università di Pisa. Ha concluso il seminario Giuliano Amato, giudice della Corte Costituzionale. Ha partecipato al seminario il Vicesindaco Raffaella Bonsangue, in rappresentanza del Comune di Pisa, che ha portato i saluti del Sindaco Michele Conti e ha ringraziato il professor Paolo Carrozza e il Presidente Giuliano Amato per l’invito al seminario, come prima occasione di incontro tra l’amministrazione comunale appena insediata e Scuola Sant’Anna.

Le attività di ricerca e di studio della Scuola sono motivo di orgoglio per la nostra città – ha dichiarato il Vicesindaco – ed eventi come questi rappresentano sempre un momento importante per approfondire temi di grande interesse, che spaziano in tantissimi campi e discipline in cui la Scuola Sant’Anna rappresenta sicuramente un’eccellenza al livello nazionale e spesso internazionale, come ci confermano le classifiche e i ranking dei migliori atenei a livello mondiale e in cui la Scuola si inserisce sempre in ottime posizioni”.

“In particolar modo l’argomento affrontato nel seminario di oggi rappresenta un aspetto molto importante nella gestione dei servizi pubblici. Il nuovo testo unico in materia di società a partecipazione pubblica si orienta nel senso di unridimensionamento dell’intervento pubblico nel mercato, ridefinendo limiti di azione, obblighi e responsabilità di ministeri, regioni, enti locali, enti pubblici economici ed autorità portuali titolari di partecipazioni societarie. Come Amministrazione appena insediata, siamo fortemente interessati a recepire gli ultimi sviluppi dovuti all’introduzione un testo normativo pensato per razionalizzare e ridurre uno strumento di gestione dei servizi pubblici che negli anni spesso si è espanso oltre ogni logica di servizio e di efficienza e che oggi più che mai ha bisogno di essere rivisto e ridotto, ponendo fine a tanti sprechi e cattive gestioni del passato”.

La foto sopra del Vicesindaco Raffaella Bonsangue con Paolo Carrozza

Loading Facebook Comments ...
By