“Vip Preparo Io”: al Tirrenia Doc Caffè trionfa il Doge

TIRRENIA – Una bella serata, quella trascorsa giovedì 26 luglio al “Tirrenia Doc Caffè“, per la sesta edizione dell’evento “VIP PREPARO IO“, sfida gastronomica organizzata dalla Confcommercio di Pisa ed inserito nell’ambito del calendario di “MARENIA 2018“.

di Giovanni Manenti

GUARDA L’INTERVISTA A ERALDO PECCI

A sfidare il Campione in carica del 2017, vale a dire l’Avv. Gino Mannocci, neo Consigliere comunale nella nuova Giunta di Palazzo Gambacorti, si sono presentati l’ex Capogruppo consiliare Giuliano Bani ed una leggenda del Gioco del Ponte, nella persona di Alessio Ricci, conosciuto come il “Doge”, storico combattente per San Michele.

La gara, che consisteva nel preparare un antipasto freddo ed un primo con ingredienti forniti ai concorrenti a sorpresa, dovendo gli stessi agire anche con una certa fantasia, ha avuto come contorno una Giuria di assoluta eccellenza e competenza nella valutazione delle portate. Presieduta – dalla Presidentessa di Confcommercio Pisa, Federica Grassini, la stessa era poi composta dal Dermatologo Roberto Gianfaldoni, dall’Amm.re Delegato del Porto di Marina Simone Tempesti, dal Brigadiere dei Carabinieri di Marina di Pisa Davide Muccione, dai neo consiglieri comunali Emanuela Dini e Marco Biondi, dall’ex consigliere comunale Valeria Antoni e dell’ospite d’onore della serata, vale a dire l’ex calciatore di Bologna, Torino, Fiorentina e Napoli, nonché della Nazionale italiana Eraldo Pecci, il quale ha contagiato il resto della Giuria con la sua consueta allegria e bonomia, sfoggiando il meglio del proprio repertorio di battute in classico stile emiliano-romagnolo.

La contesa, sapientemente condotta da quel “Mago del Microfono” (e guai a chi glielo tocca) che risponde al nome di Alessio Giovarruscio, ha visto il “Doge” Alessio Ricci avvantaggiarsi sui suoi avversari grazie ad un gustoso antipasto a base di soffice panino ripieno di prosciutto crudo, pomodorini, formaggio ed olive che gli ha consentito di ottenere 61 punti dalla Giuria rispetto ai 54 dell’Avvocato Mannocci – che ha proposto un piatto a base di salmone e pompelmo rosa – ed ai 47 di Giuliano Bani, trovatosi un po’ in difficoltà nell’abbinare prodotti al formaggio greco feta assegnatoli in dote.

La sfida però ha avuto il suo clou con la presentazione dei primi, con il Campione in carica Mannocci deciso a dare battaglia con i suoi sedanini conditi con un sugo di seppie, cipolla e pomodorini che ha, difatti, raggiunto il massimo punteggio della serata, con 62 voti. Costretto a rintuzzare il tentativo di rimonta di Mannocci, il “Doge” ha proposto un primo da lui nominato “Topini alla Normale”, un sottile gioco di parole per gli gnocchetti (“topini” in pisano ….) cucinati “alla norma”, classica ricetta con melanzane, pomodorini e mozzarella, ribattezzata “Normale” in ossequio al celebre Ateneo cittadino.

Tale sforzo lo ha visto premiato con 56 punti che, sommati ai 61 degli antipasti, gli hanno consentito di raggiungere quota 117 così da avere la meglio su Mannocci per un solo punto di differenza, avendone quest’ultimo totalizzati 116, mentre anche Giuliano Bani ha avuto la soddisfazione di superare “quota 100” grazie ai suoi “Spaghetti all’indietro”, così chiamati perché conditi con gamberetti ed aggiunta di prezzemolo e scorza di limone, che hanno ricevuto 54 voti dalla Giuria.

E così, con la proclamazione del vincitore dell’edizione 2018 di “VIP PREPARO IO”, nella figura del “Doge” Alessio Ricci – che sarà ora chiamato a mettere in palio il titolo l’anno prossimo – e le consuete foto di rito, si è conclusa una serata all’insegna dell’allegria, del buonumore e della buona tavola, con un risvolto toccante dato dal ricordo della giovane tifosa nerazzurra Selene Biosa, prematuramente scomparsa, alla cui memoria è stata effettuata una raccolta fondi per il “Gattile di Tirrenia”, che ha consentito di raggiungere la cifra di oltre 350 euro, consegnati ai genitori della sfortunata Selene, presenti alla serata, a dimostrazione che anche la solidarietà non manca mai dalle nostre parti.

By