“Voci del Mediterraneo” due appuntamenti per il Progetto “Moataz Nasr. Un ponte tra Pisa e Santa Croce”

PISA – Nei mesi di Dicembre e Gennaio presso il Centro per le Arti Contemporanee SMS, nell’ambito del progetto “Moataz Nasr. Un ponte tra Pisa e Santa Croce sull’Arno” (in esposizione al Centro SMS dal 07 Dicembre al 09 Febbraio), il Comune di Pisa promuove un ciclo di appuntamenti musicali dedicati alla musica mediterranea e alle sue contaminazioni.

Primo appuntamento sabato 7 Dicembre con il duo tunisino di Marzouk Mejri e Marwan Samer.

Marzouk e Marawan suonano musiche tradizionali “schaabi”, “stambeli”, “soufi” e classico “malouf”. L’arte musicale tunisina affonda le sue radici in tradizioni diverse. La Tunisia, così come tutto il Maghreb, è stata testimone dello sviluppo e dell’evoluzione della musica berbera, africana, cartaginese e arabo andalusa. Marzouk Mejri, cantante e percussionista, dal 1994 a Napoli e Marwan Samer, cantante e oudista da circa tre anni a Roma, entrambi tunisini s’incontrano in Italia per cominciare il loro viaggio portando in giro per il mondo la loro musica.

Mübin Dünen Trio – Voci del Mediterraneo al Centro SMS

Mübin Dünen è nato a Silvan (Turchia) nel 1977. Ha studiato “ney” al Conservatorio Municipale di Izmit, oltre al ney ed alla propria voce, utilizza regolarmente il Santur (cimbalon), il Cura (piccolo saz), il Tanbur (violoncello turco) e le percussioni. Ha collaborato con Von Magnet(Francia), ha scritto ed eseguito le musiche di uno spettacolo teatrale realizzato da Gisella Vacca(Italia), ha collaborato col musicista jazz Saadet Turkoz(Svizzera). Ha eseguito concerti in diversi paesi, ha collaborato con noti gruppi musicali ed artisti famosi in Turchia, in Italia ha partecipato a decine di spettacoli, ha composto le musiche di numerosi documentari e film. Nel 2009 ha inciso gli album BAHAR (primavera) e ARAF (purgatorio) e nel 2010 inizia la collaborazione, in qualità di consulente ed esecutore musicale, con la Coop Teatrale Sirio Sardegna Teatro.

In questa occasione sarà accompagnato da due musicisti del gruppo Kara Güneş uno dei gruppi più apprezzati e conosciuti della scena underground e radicale di Istanbul e della Turchia. I Kara Güneş sono stati inoltre tra i promotori di quella piattaforma di band musicali chiamata “Gezici Müzisyenler” (“i musicisti di Gezi”) che si è da subito attivata producendo documenti pubblici di condanna della repressione e di solidarietà con i manifestanti e allestendo concerti per raccogliere fondi a favore dei ragazzi colpiti dalla brutale repressione della polizia, durante gli scontri di Gezi Park e Piazza Taksim.

20131130-140007.jpg

20131130-140013.jpg

By