Volle: a Cecina le cussine vengono battute 3-0, ma restano al terzo posto

PISA – Amara sconfitta quella in trasferta a Cecina, con la squadra che risente ancora delle assenze e non riesce a trovare quella grinta di sempre. Al giro di boa del campionato tuttavia la società concorda col fatto che la squadra è andata oltre le aspettative. Il terzo posto è stato mantenuto ed ora, con la pausa del campionato, i dirigenti sperano in una pronta ripresa delle ragazze per proseguire il torneo con quella verve delle fasi iniziali.

LA GARA: La squadra di casa si porta subito in vantaggio senza impensierire Cicconardi e compagne, però il CUS non riesce ad entrare in partita e pur lottando e avvicinandosi al punteggio delle padrone di casa, non conclude e perde il set 25- 19. Nel secondo set parte in battuta Casarosa che mette in seria difficoltà la squadra del Cecina. Le pisane si trovano con un vantaggio di qualche punto, ma non riescono a mantenerlo e addirittura si fanno superare sul punteggio di 14-13. Bigicchi ferma il gioco per stimolare le ragazze e sembra esserci riuscito perché raggiungono le avversarie sul punteggio di 21-21, ma ancora un errore delle gialloblu in battuta e tre battute insidiose delle avversarie portano il risultato sul 25-21 per le ragazze del Cecina. Nel terzo set le cussine non partono concentrate e subiscono gli attacchi del Salumificio Sandri, questa volta però le pisane rispondono bene e lottano punto su punto riuscendo a creare un buon gioco e mettere in difficoltà le padrone di casa. Le ragazze di Bigicchi mantengono un certo vantaggio per tutto il set fino al punteggio di 22-21 che non sanno sfruttare. Arriva così la sconfitta dopo aver perso anche il terzo set 25-22.

SALUMIFICIO SANDRI CECINA – CUS PISA VOLLEY 3-0 
Parziali: 25-19; 25-21; 25-22
CUS PISA: Masotti, Piozzi, Fantoni, Loni, Grassi, Paolini, Casarosa, Iannarilli, Cicconardi, Aprea, D’Andrea, 1° allenatore: Bigicchi, dirigente: Testi
I punti sono stati realizzati da: Masotti 2, Fantoni 1, Loni 6, Paolini 13, Casarosa 10, Cicconardi 7, D’Andrea 4.

By