A Volterra agriturismo in ostaggio: i cinghiali mettono in fuga i turisti.

VOLTERRA – BRANCO PERICOLOSO MA NESSUN INTERVENTO NONOSTANTE SOLLECITI E LETTERE

Turisti aggrediti ed in fuga. Agriturismo di Volterra ostaggio dei cinghiali. Sta accadendo in località La Villa, nel piccolo comune pisano, dove un branco di cinghiali (9 quelli censiti) sta minacciando ormai da giorni i turisti dell’agriturismo “Il Rifugio dei Sogni”.

L’azienda agricola di Mario Busato si trova in una zona popolata ed è molto frequentato da turisti e residenti. Il fatto risale all’inizio del mese di agosto, in piena stagione turistica, ma nonostante i solleciti e la lettera scritta al Sindaco del Comune con cui si richiede un intervento immediato per “scongiurare” conseguenze ben più gravi non è stato fatto ancora niente.

I cinghiali continuano a “pascolare” indisturbati nell’aia dell’agriturismo e nel parcheggio rappresentando un pericolo per l’incolumità delle persone. L’ultimo caso risale ad alcuni giorni fa: un gruppo di turisti è stato costretto a rifigurarsi in auto per evitare di essere caricati da un cinghiale. A denunciarlo è Coldiretti Pisa che ha richiesto l’attivazione della procedura di emergenza che consiste nel contenimento degli ungulati (info su www.pisa.coldiretti.it).

Proprio nelle scorse settimane la principale organizzazione agricola del territorio era scesa di nuovo in piazza, di fronte alla Regione Toscana, a salvaguardia dell’agricoltura e della comunità ottenendo la rassicurazione, da parte dell’assessore regionale, Marco Remaschi, di interventi per contenere la furia degli ungulati in tutta la Toscana.

“La situazione è molto grave e pericolosa: – commenta Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa – non si tratta dei soli prodotti agricoli, di cui gli ungulati puntualmente si alimentano, è una questione di sicurezza pubblica. Di chi è poi la responsabilità se qualcuno si fa male e viene aggredito da un cinghiale? Ci aspettiamo dalla Regione Toscana l’attivazione della procedura prevista dalla legge obiettivo regionale così come assicurato dopo la nostra protesta.

Non si può andare avanti così”. E’ molto preoccupato il titolare Mario Busato: “i turisti si ritrovano la sera, davanti alla porta, i cinghiali. Non è una situazione possibile ne tanto meno gestibile. L’altra sera – racconta – due turisti sono stati aggrediti: si sono salvati perché sono scappati in macchina e si sono rinchiusi dentro. Non voglio immaginare cosa avrebbe potuto succedere se uno dei cinghiali avesse caricato uno dei loro”. E’ ancora fresca la tragedia dello scorso anno, esattamente un anno fa, a Castellina Marittima. In quell’occasione un uomo aveva perso la vita in conseguenza ad un incidente stradale provocato proprio dai cinghiali. Secondo Coldiretti i cinghiali sono colpevoli di 3 incidenti al giorno nella sola Toscana. “I cinghiali, e così tutte le altre specie di ungulati – spiega Aniello Ascolese, Direttore Coldiretti Pisa – sono sempre più un pericolo quotidiano per automobilisti, famiglie e cittadini. I cinghiali non divorano solo i nostri raccolti ed i lupi i nostri greggi: sono numericamente fuori controllo. Servono misure straordinarie subito per fermare il drastico incremento di incidenti ed evitare nuove tragedie. La comunità attende risposte”.

By