Volterra. Restyling per lo stemma e la fascia

VOLTERRA – Restyling per stemma e fascia tricolore di Volterra. Ad annunciarlo è il sindaco Marco Buselli a seguito del riconoscimento (nell’aprile 2013) del titolo di Città conferito dal Presidente della Repubblica.

“Anche i simboli hanno la propria importanza – spiega il primo cittadino -. Nell’ambito della delega “Volterra Città”, sto predisponendo la revisione degli elementi simbolici più importanti. Anche il Gonfalone, su cui abbiamo avuto uno studio donato dal professor Gianfaldoni, con la collaborazione della Biblioteca Comunale e del dottor Bavoni, vedrà successivamente una richiesta di revisione, tramite un iter che necessita dell’avallo dalla Prefettura”.

Secondo quanto prevede l’articolo 5 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana del 28 gennaio 2011 lo stemma deve essere costituito da uno scudo e, nel caso di province e di comuni insigniti del titolo di città, e di comuni, da una corona collocata al di sopra dello scudo stesso. Oltre ad essere elemento di completezza dell’emblema, la corona indica con la sua forma il grado di appartenenza dell’Ente. Lo scudo obbligatoriamente adottato per la costruzione degli stemmi degli Enti destinatari di un provvedimento formale è quello detto “sannitico moderno”; cioè uno scudo rettangolare con gli angoli inferiori arrotondati.
I Comuni insigniti del titolo di città utilizzano una corona turrita, formata da un cerchio d’oro aperto da otto pusterle (cinque visibili) con due cordonate a muro sui margini, sostenente otto torri (cinque visibili), riunite da cortine di muro, il tutto d’oro e murato di nero.

By