Vulcana Revolution in streaming dal Teatro Nuovo di Pisa

PISA – Binario Vivo, compagnia teatrale di produzione del Teatro Nuovo di Pisa, non si ferma e continua la propria attività artistica. Venerdì 18 e sabato 19 dicembre alle ore 21.30, tramite la piattaforma Zoom e nell’ambito della rassegna di #TeatroDigitale organizzata dal Teatro Nuovo grazie al sostegno della Fondazione Pisa.

L’appuntamento è proprio con uno spettacolo nato nel cantiere di Binario Vivo: si tratta di VULCANA Revolution!  di e con Maria Piscopo e Francesco Salvadore, volti noti della musica tradizionale italiana, e diretto da Carlo Scorrano, Direttore Artistico del Teatro.

Maria Piscopo e Francesco Salvadore

Lo spettacolo è un adattamento teatrale del recital Vulcana! della coppia Piscopo-Salvadore; “Non si è trattato” dice Scorrano,“soltanto di costruire una cornice che contenesse i canti e i recitativi dei due protagonisti, l’una campana e l’altro siciliano, ma di tesserne l’immaginario finora tenuto sottaciuto: le culture popolari contengono in sé l’elemento di resilienza e di riscatto rispetto al pattume disumanizzante della società dei consumi. (…) E’ in questo contesto che la lingua (il napoletano ammiccante della Piscopo e il siciliano cripto-musicale di Salvadore), la musica, i Tòpos di questi e altri Sud, divengono immediatamente familiari e accessibili per il pubblico stimolato e coinvolto dalla vertigine narrativa di VULCANA Revolution!”

In un anno particolarmente delicato per tutti gli ambiti della nostra società e che ha visto tutto il settore teatrale e dello spettacolo in particolare sofferenza e difficoltà, la rassegna #TeatroDigitale promossa da Teatro Nuovo di Pisa e realizzata grazie al patrocinio della Fondazione Pisa, vuole essere più che una testimonianza: è semmai il convinto rilancio da parte del Teatro nel rivendicare il proprio ruolo insostituibile, pronto a riaccogliere il proprio pubblico non appena sarà di nuovo possibile.

Afferma Salvadore: “Molti sono i detrattori del Teatro in streaming: questo non è teatro, senza la presenza fisica del pubblico e mediato da una strumentazione e una tecnologia che, inevitabilmente, ne stravolge le caratteristiche originali. Noi siamo, in questo, totalmente d’accordo: questo non è teatro! Ma crediamo nello stesso tempo che, in questa fase, il teatro e la Cultura non debbano abdicare alla propria funzione e non possano rinunciare a continuare a tessere la rete di contatti e di rapporti umani, di Incontro, che li caratterizza. Ben venga dunque l’ IPER-TEATRO!”

La visione sarà possibile tramite la piattaforma di ZOOM e si potrà acquistare dal sito www.teatronuovopisa.it, per info 392.3233535.

By