You@Acque, un progetto innovativo e digitale per migliorare il servizio idrico

PISA – E’ stato presentato questa mattina da Acque SpA nella Sala Riunioni di Via Bellatalla ad Ospedaletto il progetto You@Acque in collaborazione con l’Istituto Superiore Sant’Anna di Pisa, che ha come obiettivo il coinvolgimento dei clienti a livello digitale, per cercare di migliorare il servizio idrico.

di Giovanni Manenti

La scuola di studi superiori affiancherà infatti Acque in questo percorso che può essere considerato a tutti gli effetti una best practice: rappresenta una novità nel panorama italiano delle public utilities, ma al contempo ha anche un legame di forte continuità con le passate campagne di comunicazione del gestore idrico. La missione di Acque SpA è infatti da sempre quella di fornire in modo efficiente il miglior servizio possibile alla propria comunità, da un lato salvaguardando la risorsa naturale che gestisce e dall’altro soddisfacendo i bisogni dei propri clienti. Bisogni che sono in costante evoluzione e che l’Azienda deve riuscire a intercettare.

Ad introdurre la presentazione del progetto l’amministratore delegato di Acque Spa Giovanni Paoli Marati: “Non è più possibile agire come monopolisti, dobbiamo avvicinare il cittadino ai servizi attraverso una sfida già vissuta dal sistema bancario, i cui clienti si rivolgono alle banche in via digitale. Vorremmo pertanto adeguarci, cercando di evitare le file agli sportelli, adottando strumenti e tecnologia software nell’ottica anche di ridurre lo spreco di risorse. Questo sviluppo ha interessato tutta l’azienda per ridurre il più possibile l’uso della carta, con una piattaforma che consente di partecipare online i dati non solo ai dipendenti ma anche ai cittadini. Così i clienti potranno collegarsi al sito reso possibile grazie alla trasformazione della comunicazione coi nostri clienti. Nei collegamenti il cliente potrà interagire per migliorare i servizi, attraverso lo sportello online, App e social anche nell’ottica di una omogeneizzazione dei servizi e di conseguenza essere al corrente delle varie attività, fatture guasti e quant’altro. Oggi presentiamo You@Acque i cui temi sono collegati con lo sviluppo digitale. Già nel 2015 con il S. Anna abbiamo fatto uno studio per focalizzare i temi di maggior importanza. Vogliamo che i nostri clienti si possano iscrivere al nostro sito per essere coinvolti in attività che oggi risiedono solo in azienda, in pratica un percorso innovativo, selezionando un nucleo di clienti che per 12 mesi interagiranno con noi in Azienda per collaborare e trovare soluzioni innovative“.

Parola al Prof. Marco Frey dell’Istituto superiore Sant’Anna: “Con Acque stiamo facendo percorsi di ricerca applicata che abbiano una valenza per la collettività. Ci troviamo a svolgere attività formative e di ricerca in attività innovativa per la ricaduta sui cittadini. Abbiamo valutato i bisogni dei clienti e ci siamo resi conto di poter fare qualcosa ed abbiamo pensato ad un percorso per allargare la partecipazione da parte degli utenti, i quali non hanno ad oggi grande abitudini digitali. In questa ottica il progetto parte dai 280mila utenti per arrivare ad un campione significativo di soggetti per conoscerne la disponibilità a fare parte per un anno. In primis, occorre sapere quali siano le esigenze dei cittadini e poi verificare come si possano insieme migliorare i servizi e riteniamo che la consapevolezza e la partecipazione del cittadino sia di grande aiuto per far crescere l’Azienda. Già dalle prime bollette di gennaio è stata inserita la richiesta di partecipazione al progetto ed ora manderemo un questionario ai 40mila clienti che già sino iscritti al canale digitale. Ne vorremmo avere circa 25/30 mila contatti al fine di raggiungere una buona interazione. La selezione avverrà attraverso criteri di ordine geografico, coinvolgendo più Comuni, ed anche di natura occupazionale, unendo privati cittadini a commercianti ed imprenditori, al fine di ottenere un quadro più variegato possibile in ordine alle necessità degli utenti”. Coloro che volessero comunque partecipare al progetto, pur non avendo ricevuto l’e-mail, possono registrarsi su www.acque.net/you

 

By